Pagina:In morte di Lorenzo Mascheroni.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(57)

A quest’ermo recesso i peregrini
Spirti avviàrsi; e qui seduti al rezzo
267Tra color persi, azzurri e porporini,

Fèr di sè stessi un cerchio. O tu che in mezzo
Di lor sedesti, olimpia Dea, nè l’ira
270Temi del forte nè del vil lo sprezzo,

Tu verace consegna alla mia lira
L’alte loro parole; e siano spiedi
273A infame ciurma che alle forche aspira,

Nè vale il fango che mi lorda i piedi.