Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


30 LIBRO le Virtù" morali. La liberalità. L’Auaricia. Le Virtù CardiaaliiPruden- za, Giuftitia, Fortezza, e Té peranza. De le V ir tu, chs’ncontra i Senfi audaci Armano il petto altrui d’alti coltami. Et algouerno de la ricca barca Sede a Colei t ehe d ogni bene è font e, Se lAmersaria è degni mal radice. D’or la barca era, et tornea zflo ardente fon bone Ho calarfusa > e formata Con martello d’amor lodato, e santo, E Speme, e Fè le <~variate a>ele Hauean conte He > e le gonfiauan tutte Le Quattro,d’vn cor pio Cardini aurati, Venti secondi à la beata <~uita. Talchenl’n calma, ne turbato lMare Sembraua W ampio vel, cui laura increffi Di cangiante color rverde, e diedro. Già non mancar gl intoppi à tal camino Di scogli, e (irti, e di mortai lufinghe e Di più d’vna fallace empiafrena: £Ma tutti gli varcò linuitto Duce Con intrepido cor, con forte orecchio, Si ch’alfin giunse à le bramate arene. Fuor tutti i nodri conosciuti lidi Tra t ìsole famose di Fortuna V na ne sorge s ed e la piùfelice: A cui tanto benigno il Cielo arride, che