Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

49

[versione diplomatica]

Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606 (page 59 crop).jpg

D E L L A

A R G O N A V T I C A

L I B R O  S E C O N D O.


Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606(1) (page 59 crop).jpg


RE S E all Ciel gratie, & à l'antica Dea,
Ch'à lui fù di fauor tanto corteſe,
Le vele à l'aure diè G R O M O felice.
Ma non già prima, ch'à la Regia figlia.
[le Salute figlia della Natura.]
Da la cui ricca, e generoſa mano
Venne' l gran don che'l molto ardir gli accrebbe,
Non giſſe à far di sè, di ſua vittoria,
E de l'isteſſo don deuuto dono.


[versione critica]

Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606 (page 59 crop).jpg

D E L L A

A R G O N A U T I C A

L I B R O  S E C O N D O.


Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606(1) (page 59 crop).jpg


RE S E all Ciel gratie, et à l'antica Dea,
Ch'à lui fù di favor tanto cortese,
Le vele à l'aure diè G R O M O felice.
Ma non già prima, ch'à la Regia figlia.
[le Salute figlia della Natura.]
Da la cui ricca, e generosa mano
Venne' l gran don che'l molto ardir gli accrebbe,
Non gisse à far di sè, di sua vittoria,
E de l'istesso don devuto dono.


G Lieta,