Pagina:Ioannes Baptista a Vico - Opera latina tomus I - Mediolani, 1835.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

italorum sapientia 141

Critica). Inveniendi vero artem quae Topica dicitur, quaeque ad usum potior erat, et ordine naturae certe prior (perchè prima è l’apprendere, poi il giudicare) totam reliquerunt. Ma voi per avventura avete presa la voce Critica nella significazione de’ grammatici, o vogliam dire letterati, non dei filosofi, e perciò vi siete indotti a dir ciò.

Del Metodo finalmente osservate «lui chiamarsi da’ Cartesiani un’arte di ben ordinare e disporre i nostri pensamenti, per poter noi arrivare a una qualche scienza, o per insegnarla altrui. Sì che alla medesima scienza conducendoci varie definizioni, divisioni, postulati, assiomi, dimostrazioni, non insegna il metodo come abbiamo a ben diffinire, a ben dividere, a ben giudicare, a ben discorrere, essendo ciò proprio dell’altre parti della loica; ma solo insegnaci come abbiamo tutte quelle cose a ordinarle acconciamente, e disporre di modo che facile riesca e comodo l’acquisto della scienza propostaci.» Onde conchiudete che l’ordinare è un’operazione distinta dalle tre prime; «e dato che sia arte, ella non è direttrice della facoltà del ragionare e discorrere, ma direttrice della facoltà dell’ordinare e disporre.»

Qui, o voi intendete per metodo l’analisi, come sembrano usarla i Cartesiani, con la quale da una cosa proposta si dividono le comuni per venire alla cognizion delle proprie, a fine di conoscerne le proprietà, per poi ben diffinirla; e di questa si servirono bene gli antichi, come Platone nel Sofista, il qual Dialogo non è altro che una continua analisi con la quale Socrate dassi a dividere l’arte, e rimuove tutte le altre sue spezie per diffinir la Sofistica. Ma però il dividere e ’l diffinire sono lavori della seconda operazion della nostra mente; e questi sono regolati dalla Critica, nella quale, perchè con essa hassi a dividere, prevagliono gli uomini d’acre ingegno: siccome andar componendo una cosa con tutte l’altre che vi hanno attacco o rapporto (che è l’altra spezie di metodo che s'appella sintesi, che in fatto è ritrovare) è opera della semplice percezione, che fassi regolar dalla Topica: la qual via tenne Aristotile, che non scende mai a diffinir cosa se non prima ha visto quanto in quella o dentro o fuori vi sia. La Topica ritrova ed ammassa; la Critica dall’ammassato divide e rimuove: e per ciò gl’ingegni topici sono più copiosi e men veri; i critici sono più veri, ma però asciutti. — O intendete per metodo da vero immediatamente far nascer vero; e questa è la famosa regola delle scuole, e l'uso di essa è ’l maggior frutto di quella lor logica, di porre sempre il negato in conseguenza, nè mutar mai mezzo termino: e questa è l’arte di regolare i discorsi.

Ma voi intendete metodo quel che dispone diffinizioni, postulati, assiomi, dimostrazioni.

Parliamo con vocaboli proprj per far commercio d’idee di-