Pagina:Isabella Gabardi-Brocchi Considerazioni sui diritti delle donne.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 emancipazione

coro della patria, l’amore al lavoro, l’obbedienza al dovere, la dignità, dell’onore, emanano, si compongono, si sviluppano negli anni della fanciullezza, sotto i dettami soavissimi della madre. Il figlio è, dalla donna, fatto due volte. Se falla nell’educazione, è come se lo abortisse nella di lui gestazione. Ne farà un essere incompleto, un mostro, o una inutilità! Che la donna sia fatta da Dio più per essere considerata sulla terra come madre, che come oggetto di cupide voglie sensuali, è provato dal modo speciale con cui fu amata, ed esaltata dagli uomini i più sommi. Bastami citare Dante e Petrarca che nell’estasi del loro amore purissimo quasi divinizzarono Laura a Beatrice.

Quando l’Alighieri, salendo il monte del purgatorio, vedeva

. . . . . . già nel cominciar del giorno
La parte oriental tutti rosata
E l’altro ciel di bel sereno adorno,
Sopra candido vel, cinta d’oliva
Donna gli apparve sotto verde manto
Vestita di color di fiamma viva.

Ben egli riconobbe Beatrice, la creatura da lui amata:

Prima che fuor di puerizia fosse.

e nel rivederla non la considerò, nè rimembrò come amante, che in esso avesse prodotto soltanto deliziosa impressione nei sensi, o desio momentaneo di