Pagina:Isabella Gabardi-Brocchi Considerazioni sui diritti delle donne.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 emancipazione


E lo spirito eletto dice:

Per questo visitai l’uscio de’ morti,
Ed a colui che t’ha quassù condotto
Li preghi miei piangendo furon porti.

Ecco dunque la causa prima, anzi unica, a cui Dante attribuisce il suo prodigioso trino viaggio! Beatrice avealo amato maternalmente secondo l’intenzione provvidenziale, che vuol la donna educatrice, istigatrice del bene nell’uomo. Ecco perchè nel vedersela innante nel purgatorio, ove era discesa per guidarlo alla sfera suprema, lo apostrofò con piglio severo e

Realmente nell’atto ancor proterva

ed egli abbassò gli occhi:

Tanta vergogna gli gravò la fronte!
Così la Madre al Figlio pur superba
Com’Ella parve a me, perchè d’amaro
Senti ’l super della pietade acerba.

Stupendissima sintesi del vero amore nella donna, che Dante ha compresa e mirabilmente esposta. La donna carnalmente è organo di produzione. Moralmente, umanamente, socialmente, ha missione educatrice e materna.

Nè in diversa maniera guardolla e comprese l’altro sommo, che fu Petrarca.