Pagina:Isabella Gabardi-Brocchi Considerazioni sui diritti delle donne.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26 emancipazione

gliaia, addio famiglia! Giù leggi, costume, decoro, virtù. La specie umana decaderà al disotto di quello bestiale, poichè in questa ultima, l’istinto ha segnata e mantenuta la linea che la femmina deve tenere al di sotto del maschio.

E che questi fosse considerato dalla natura ente più perfetto, ve lo mostrano fin anco le di lui qualità fisiche. Le piume più lucenti e dipinte, le forme più energiche e forti, il pelame più vario, più splendido, più varieggiato; gli artigli più acuti, l’occhio più lampeggiante, le voce più armoniosa e sonora.

È il Creatore, che ha voluta la supremazia del maschio, e che ha posta la femmina per aiutarlo, non per soverchiarlo.

La donna è graziosa, gentile, per conquistare l’amore dell’uomo; debole per dure a lei la soave commozione del sentirsi protetta: affettuosa, sensibile, per gustare il santo orgoglio del sapersi sacrificare per esso in ogni qualsiasi circostanza e condizione della vita.

Il connubio è una dualità fusa in unità, la quale così amalgamata, compone una perfezione completa. Se spostate le parti, alterate l’ordine che la produce, sicchè ne consegue la confusione e disgregazione.

Donna serbati la tua nobile parte!