Pagina:Kant - Considerazioni sul sentimento del sublime e del bello, Napoli, 1826.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

naturali ed acquisite. 43

so, và soggetto a divenire ludibrio di momentanee impressioni. Tutto agirà su di lui. Amico di tutti gli uomini, corre rischio di non esserlo d’alcuno a malgrado della sua natural benevolenza. Incapace di mascherarsi, non mancherà oggi di augumentare il vostro benessere; ma se vi accade di cadere ammalato, o se per avventura vi colpisce la sorte, per quanto sincero volete che sia il dolore ch’ei sentirà de’ vostri malanni, dolcemente si allontanerà da voi, parendo che abbia pena a respirare in un elemento col quale il suo umore non è in rapporto, deciso pertanto ch’ei deve a voi ritornare in giorni più illuminati dal sole più brillante. Guardati di farlo assidere su d’un tribunale: non scorrerebbe indarno sulla sua mano una lagrima, e più la legge sovente che il colpevole s’avrebbe il torto agli occhi suoi. Sarebbe a voi egualmente difficile d’aggregarlo al sacro calendario, poichè incapace di completa perversità, lo è pure di assoluta bontà; nelle sue follìe, ne’ suoi vizi perfino, voi scovrirete facilmente più compiacenza che inclinazione al male; nella sua generosità e nelle sue aderenze, il rinverrete pure inesattissimo calcolatore de’ suoi debiti; giacchè generalmente egli accorda molto più alla bontà che non rende alla giustizia. Del resto, ei non trattasi assai severamente nel suo proprio pensiero, ed in ciò d’accordo con lui, voi sarete obbligato di ricusargli la vostra stima che non saprete troppo come trattenervi d’accordargli la vostra amicizia.

L’ultima degenerazione di tal carattere lo immerge nel frivolo. Dal burlesco cui sempre avvicinasi, è ben da presso da cader nel ridicolo. Se l’età non tempera la vivacità dell’essere che