Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124


sti piccoli vermi, che svaniscono quasi in confronto alla loro opera, si fabbricano queste masse di dighe contro la burrasca e l’ondeggiare del mare, per potersi ricreare tranquillamente dietro esse; e non raramente hanno prodotto e fondato isole nel mare pacifico, le quali ora sono abitate; poichè il mare depone fra queste abitazioni fango, terra ec., e le riempie a poco a poco, finchè s’innalzano sopra l’acqua, anzi in varj siti a maggiore altezza del flusso. Qui prendono radice il frutto della palma di cocco ed altre semenze gettatevi dal mare, e così finalmente si rendono abitabili. L’intiero arcipelago delle asse isole degli Amici e molte altre, l’isole della Catena (chain Eiland), Tedhurea ec., sono di questa origine. Le isole di questa natura sono interamente pine senza colline, ma hanno in mezzo una profondità ripiena d’acqua. Ancora al presente in tempo di flusso passa il mare sopra i siti più bassi dell’isola fino alle dette paludi; ciò non ostante molte di queste isole più grandi sono abitate; altre di quando in quando sono visitate dagli abitanti delle isole vicine, per farvi la caccia degli uccelli e delle tartarughe; altre poi, benché siano co-