Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

169


meridionale, nella Plata, non ha alcuna vera uscita; egli inghiottisce 10 o 12 fiumi considerabili, oltre i piccoli. L’acqua che contiene non è salata nè amara, ma torbida, ed ha un gusto sì ributtante, da non potersi bere.

La seconda qualità dell’acqua marina è l’amarezza stomachevole. Si credette per lo passato, che nascesse dalle parti oleose degli animali e dalle piante putrefatte del mare, e si restò fino persuaso di poter cavare dell’olio dall’acqua marina: frattanto i più diligenti esperimenti di Bergmann e di Macquer hanno fatto vedere, che non contiene alcun grasso, e lo stesso confermasi per l’eccellente analisi dell’acqua marina fatta da Vogel. L’amarezza forse nasce dalla selinite, o dal sale generato dall'unione dell’acido di vitriolo colla terra calcarea, del quale contiene non poco, come egualmente dalla magnesia e dall’alcali minerale apiro, oppure dalle bestie che in essa si putrefanno. Gl’innumerabili pesci, e l’altre creature che muojono nel mare, si gonfiano, poi galleggiano sulla superficie, e sono scomposte dall’aria e dal sal marino; e giustamente questa amarezza trovasi sulla super-