Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

197


vedere correre la loppa; poichè s’innalza e s’abbassa coll’acqua. Il movimento delle onde è cagionato unicamente dal vento, al di cui sforzo l’immensa superficie dell‘oceano è esposta da tutt’i lati. Marsden, nella sua bella descrizione di Sumatra1, rammenta, che il mare, anche nella massima calma, lentamente s’innalza e si abbassa, e che questo movimento non cade sì facilmente sott‘occhio, poichè le onde sono larghe e grandi. Trovandosi una barca in certa distanza dalla nave, si osservava benissimo che di tanto in tanto scompariva, ma questo procedeva lentissimamente. Nei mari di poco e piano fondo le onde sono corte, e nei profondi, all’opposto, lunghe e larghe; cosa che ai navigatori reca piacere: le onde corte fanno soffrire troppo la nave in causa del moto oscillatorio degli alberi, e produce con ciò un barcollare pericoloso; quindi nei mari di fondo piano e poco inclinato, come il mare baltico, la navigazione riesce più incomoda che nel vasto

  1. Marsden, History of the Island of Sumatra. Lond. 1783. 4.