Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220


ve dal canto suo tre piedi l’acqua dal centro della terra; mentre il sole al contrario attrae dall’altro lato il centro stesso di un piede, e, per dir così, sotto l’acqua; ragione per la quale l’acqua deve allontanarsi quattro piedi dal centro della terra. Stando ambedue nelle quadrature, o distanti per 90 gradi una dall’altro, come accade ne’ quarti, operano l’uno contro l’altro. Il sole ritrae l’acqua un piede da quel luogo ove la luna l’innalza 3 piedi, e l’acqua non può montare più alta che 2 piedi. Il flusso minore chiamasi flusso morto; il maggiore, flusso vivo.

Il flusso vivo, o sia maréa viva, non succede nel tempo preciso del plenilunio e del novilunio, ma per lo più 36 fino a 48 ore dopo, anzi qualche volta tarda 3 fino a 4 giorni; e il flusso morto, ovvero maréa morta, ritarda egualmente. Ciò accade come del maggior calore, il quale non si sente nella giornata più lunga, ma qualche settimana dopo nei giorni canicolari.

La maréa viva arriva un poco più presto sulle coste; e la morta, un poco più tardi della media, durante i quarti di luna: cioè, la maréa media cresce e cala due volte in 24 ore e 50 minuti; la viva, due volte