Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

235


Volendo ricercare le vere cause del flusso e riflusso, potremmo dire benissimo, che la natura generalmente odia il riposo e l’inazione, e che abbia voluto dare moto e vita anche a quell’elemento il quale contiene quasi prima stamina rerum nella loro prima rozzezza del volume massimo; che con ciò abbia prevenuta la putrefazione dell’acqua; che per mezzo della perpetua mescolanza della parte superiore coll’inferiore dell’acqua produca e conservi in esse da per tutto una temperatura e qualità bastantemente uniforme: giacchè i soli movimenti dell’acqua cagionati dai venti non la rimescolano sufficientemente, ed il flusso e riflusso, al contrario, arriva fino al fondo del mare, e mentre innalza l’acqua della superficie, rimpiazza spesso quella che stava sul fondo. Finalmente il flusso e il riflusso è utile ancora per poter passare sopra i banchi d’arena che si formano davanti i porti. Senza di esso difficilmente si trarrebbe

    nell’atmosfera; ma qui non si può spiegare il fenomeno in detto lago per mezzo del flusso e del riflusso dell’atmosfera, poichè alcun altro lago non ne sente la minima impressione.