Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
338


l’Halland, e l’isola di Thylen avanti Halmstadt: e considerando inoltre la narrazione degli antichi risguardo a Thule1, cioè, che fosse maggiore della grande Brettagna, che quivi abitassero gli Scridfinni, che nell’estate per quaranta giorni non facesse notte, e nell’inverno per altrettanto tempo non comparisse il sole ec., cose tutte che si possono applicare alla parte settentrionale della Scandinavia, allora si resterà sempre più persuaso, che sotto il nome di Thule comprendevansi la Norvegia e la Svezia.

Nel 1030 sussistette ancora un’acqua navigabile che da Upsal passò per le parrocchie Danmark, Lagga e Roslagen fino al baltico2; e Somen gran lago nell‘Ostrogozia, come anche Smaland dal quale la provincia ha ricevuto il nome, sembrano, dalle montagne de’ paesi confinanti, aver composto per lo passato un gruppo di scogli. La quantità degli stagni che si trovano

  1. Procop. Caes. de Reb. Goth. lib. 2 c. 15.
  2. Benzel coll. Hist. Patr. And. Celsius. Kongl. Sved. Vettensk. Acad. Handl. 1743. 4: il libro principale sopra le osservazioni della diminuzione dell’acqua sotto i poli.