Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la citta' del sole. 109

grande e bella è unita ad un uomo robusto ed appassionato, una pingue ad un magro, una magra ad un pingue, e così con sapiente e vantaggioso accozzamento vengono moderati tutti gli eccessi. Al cadere del sole i fanciulli salgono nelle stanze ed apparecchiano i talami. Dopo entrano i generatori, e secondo è imposto dai maestri e dalle maestre si mettono al riposo, nè giammai possono consacrarsi all'importante ministerio se prima non hanno ben digeriti gli alimenti e terminata la preghiera. Nelle stanze sono eleganti statue di uomini ragguardevolissimi, ivi collocate perchè si contemplino dalle donne, dipoi affacciandosi ad una finestra cogli occhi rivolti ai cielo supplicano Iddio che conceda diventino madri di perfetta prole. Coricate poscia in separate celle dormono sino all’ora stabilita per l’unione, ed allora la maestra levandosi apre al di fuori la porta sì degli uomini come delle donne. Questa ora è determinata dal medico e dall’astrologo, che studiano cogliere il tempo in cui tutte le costellazioni sono favorevoli ai generatori ed ai futuri generati. Credono poi essere colpevole chi accostandosi alla generazione non abbia almeno per tre giorni conservato nella sua interezza e purità il seme, o chi avesse commesse invereconde azioni, e chi non si fosse riconciliato e ravvicinato a Dio. Coloro invece, che per diletto o necessità usano con donne sterili, gravide o difettose, non vengono obbligati ad alcuna cerimonia. I magistrati, poi che tutti sono sacerdoti, come anche i maestri delle scienze, non ponno assumere l’incarico di generatori che dopo molte giornate d’astinenza. Imperocchè l'impiego delle facoltà intellettuali, indebolendo gli spiriti animali, lor toglie che possano trasmettere l’energia del cerebro, e quindi osservasi sovente essere fiacca di corpo e tarda d'ingegno la prole di simile gente. Sapiente è dunque la prescrizione che ordina ad essi d’accoppiarsi con donne vivaci, forti e belle. Parimente gli uomini pronti, ardenti, di temperamento sanguigno, debbono unirsi a donne pingui e fredde. E dicono che tra-