Pagina:L'astronomo Giuseppe Piazzi.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

VI.


Brevi cenni su l’astronomia in Sicilia.


Anche prima di quest’epoca, le discipline astronomiche in Sicilia conservavano gloriose tradizioni, alle quali il ritorno del Piazzi doveva aggiungere nuovo lustro e splendore. Omettendo di rilevare quanto i Greci, quivi giunti dopo la guerra di Troja, vi recassero delle cognizioni celesti raccolte nell’Asia: e delle conghietture ingegnose che si potessero trarre dalla figura dell’isola, e dalle primitive fonti della sua civiltà, l’agricoltura e la poesia; il primo astronomo, ch’ivi devesi riguardare, è l’agrigentino Empedocle, nato nel sesto secolo avanti l’éra cristiana. È noto l’elogio che fece Lucrezio di questo famosissimo discepolo di Pitagora, il quale scrisse un’opera sulla sfera, fece varie ricerche sul sole, sull’inclinazione dell’asse della terra e su altri punti diversi. Si vuole che Newton togliesse dalle opinioni di Empedocle le prime sue idee della forza centripeta e centrifuga, che dà l’armonia del mondo. Caduta Siracusa e morto il celeberrimo Archimede, lunghi secoli di tenebre avvolsero la Sicilia, dopo i quali trovasi primo un Giovanni,