Pagina:L'edera (dramma).djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Paulu.

E manterrò la promessa.... Ma che hai?... Dev’essere la febbre che ti esalta così!... Su, da brava.... mettiti a letto... come faccio io... Domani, parleremo a mente riposata.

si scioglie da lei per andarsene.

Annesa

paurosa, tremante, trattenendolo.

No!... Aspetta!... Ho un’altra cosa da dirti...

Paulu fa un gran gesto d’impazienza.


Ho paura che il Vecchio sia morto!

Paulu

sussultando.

Morto?!

voce alta.

E quando?

Annesa.

Poco prima che tu ritornassi.

Paulu.

E me lo dici soltanto adesso?... Ah, non è possibile!

corre all’alcova, e tira la tenda.

Sì... sì!... Non respira più! Zio Zua? Non risponde. È morto.

sempre a voce alta.

E tu?.... Tu?


— 98 —