Pagina:L'edera (dramma).djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Paulu

con disperazione.

Io non so se le voglio bene... io non so se la odio!...

scoppia in pianto. — Don Simone e Donna Rachele impietositi, si avvicinano a lui: — egli si rimette, vergognoso. — Prete Virdis si mostra costernato.


Donna Rachele

con dolcezza

Possiamo forse dubitare.... che sia stata la tua amante?

Paulu.

Di questo, la colpa è mia. E... per acquietare le nostre coscienze... se lo credete necessario... la sposerò.

con amarezza.

Così sarete contenti.

Don Simone.

Ma, Paulu, tu diventi matto!... Si può sentir di peggio!... Ma sei un uomo, o un bambino?

Paulu.

Sì, lo so, sono un bambino... un debole.... un


— 157 —