Pagina:L'edera (dramma).djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

pazzo!... Questa è l’origine di tutti i nostri guaj!... Ma voi tutti, che cosa avete fatto per rendermi un uomo forte e saggio?... Mi avete chiuso in un seminario, come un uccello in gabbia... Io non ero uccello di gabbia... e mi sono spezzato le ali là dentro... Quando me ne hanno cacciato... non potevo più volare!... Era tempo ancora d’insegnarmi, almeno, a lavorare... Ma che!... Un nobile non deve lavorare... deve vivere, come il vampiro... succhiando il sangue degli altri!

Don Simone.

Non dirai, però, che ti abbiamo insegnato a far il male!

Paulu.

No... neppur questo mi avete insegnato... perchè neppur di questo siete capaci!

gridando. —

Don Simone è al colmo dell’ira: — donna Rachele cerca di calmarlo: — Prete Virdis alza le braccia al cielo. — In questo entra Rosa dalla cucina.


Rosa.

Babbo, perchè gridi così al Nonno?

Paulu

furioso.

E tu perchè stai ad ascoltare?... Perchè vie-


— 158 —