Pagina:L'edera (dramma).djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Don Simone.

Che gli hai risposto?

Annesa, mentre Rachele parla, si avvicina alla porta e ascolta ansiosa.


Donna Rachele.

Gli ho risposto: «speriamo che Paulu torni stassera; ma, se non trova i danari, questa volta, siamo rovinati per davvero!... Tutto andrà all’ incanto!... L’ultima tanca, la casa.... tutto.... e fra pochi giorni!

Don Simone

siede presso la tavola, si toglie la berretta, si stringe la testa fra le mani, desolato; poi, subito dopo, si scuote, solleva il capo e sorride.


Speriamo!... Lasciamo passare trenta giorni, prima di contar un mese!

Donna Rachele.

Sì, speriamo!

breve pausa.


Prete Virdis mi ha domandato se domani, come gli altri anni, daremo il pranzo ai sei poveri.

Annesa

vivamente, sulla porta di cucina.


Io non lo darei questo pranzo!


— 11 —