Pagina:L'edera (dramma).djvu/22

Da Wikisource.


Don Simone

sorridendo, con amarezza


Chi più poveri di noi?

Donna Rachele.

Figliuola mia, i Decherchi, da secoli, adempiono questo sacro obbligo.... Il giorno di ferragosto offrono un pranzo a sei poveri di buona famiglia: da secoli, una Decherchi serve con le sue mani questi disgraziati caduti in miseria. ... come Gesù serviva i suoi Apostoli.

Annesa.

Ma se il vostro ultimo podere, gravato di questo canone, andrà, forse, all’asta fra pochi giorni!... Perchè volete fare questa spesa inutile ... gettare una somma ai cani e ai corvi?

Donna Rachele.

Taci!... Gesù, nostro Signore, era più povero di noi.... eppure....

Don Simone

allegramente sarcastico.


E poi l’anno venturo anche noi forse saremo tra i sei poveri invitati dal nuovo padrone!

Donna Rachele.

Oh, non parlate così!


— 12 —