Pagina:La Cicceide legittima.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8

La Cresima di D. Ciccio.

xiv.

L’Altro dì che con mitra, e Pastorale
 Il Vescovo di Lucca erasi messo
     A cresimar il Gregge a lui commesso
     4Entro la sua Cappella Episcopale;
Fra tanti maschi, e femmine che a tale
     Funzion furo introdotti, ebbe l’ingresso
     D. Ciccio ancor, come in etade anch’esso
     8Da conoscer distinto il ben dal male.
Dicono però che Monsignor suddetto
     Mutò nell’atto, che li fea l’unzione,
     11La forma consueta in questo detto.
Se già ti battezzò per un C.....
     La provida Comar, come ho già letto,
     14Eccoti adesso la confermazione.


D. Ciccio in età di quindici anni incominciò
a metter la barba.

xv.

Ne l’età di tre lustri avea già fuore
 D. Ciccio la lanugine sul volto.
     Il che stimossi alto prodigio, e molto
     4Ne concepì di speme il Genitore,
L’Arbor dicea, ch’anticipi nel fiore,
     Promette sempre un ottimo raccolto;
     Ma poscia il guardo a l’esito rivolto,
     8Del pronostico suo scoprì l’errore.
Quindi, vistol cresciuto un Barbagianni.
     Con questo dir dannò le predizioni
     11Del suo giudicio, e n’avvertì gl’inganni.
E chi non sa per note osservazioni,
      Che comincian colà sù i quindeci anni,
      14A spuntar la lanugine i C.....