Pagina:La Cicceide legittima.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78

La Disputa.
Al P. Lettore Fr. Tommaso Maria Minorelli.

cliii.

D. Ciccio, per mostrarsi anch’ei dotato
     Di qualche filosofico talento,
     Volle Sabbato prossimo passato
     4Sostener conclusione in un convento:
Ma’l poverino al settimo argomento,
     Che dal primo Aggressor gli fu portato,
     Non avendone pronto il scioglimento,
     8Si rimase in un subito arenato.
Rise il Circolo allor, ma rise invano;
     Mentre parea, che non vi fosse attacco
     11Da dirlo caso insolito, nè strano;
Poiché con senso pur debole, e fiacco,
     (Quando formò Natura il Corpo umano)
     14Si lasciaro i C.... mettere in sacco.


La Nebbia.
Al Sig. Co: Giuseppe Ronchi.

cliv.

GIuseppe, è già più d’una settimana,
     Che quì regnando una nebbiaccia impura,
     E rai del Sol torbidamente oscura,
     4E rende l’aria rigida, e mal sana.
Ora il nostro D. Ciccio è cosa strana,
     Quanto si dolga in simil congiuntura,
     E quale ansietà mostri, e premura,
     8Che ritorni a soffiar la Tramontana.
Io rido intanto, ed ei per le risate,
     Che m’ode far, più sen travaglia, e suole
     11Tornar da capo a le querele usate;
E pur poco gli importa, e invan sen duole;
     Mentre i C .... ancorché sia d’estate,
     14Son usi a non veder raggio di Sole.