Pagina:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 4 —

traduziona de Dante ’ndialetto napolitano; e pe lloro bontà co tanta affecchienzia mme dicevano, che mme nce fosse provato io, pecchè lloro se trovavano all’urtema tappa, che porta a la terra de li muorte; ma io, che tutto saccio e niente canosco, e non sapenno lo Sio Addante addove mmalora stà de casa, facenno no giro a senistra me licenziaje da chille capo-maste co dirle ca chillo voccone non era pe li diente mieje.

Ora mo, strasecolato, veco ncopp’a lo Giornale la Partenope, che se sprubbeca ogne dommeneca, a miezo canto la vota, la traduzzione de lo Divino Poeta, e pecchè io me credo, si nò lo songo, no canoscitore de chesta bella lengua azzeccosa e rrosecarella, pozzo assicurarve, co la mano posta ncopp’ a la coscienzia, che lo sbotamiento de li vierze è stato fatto co tutto Io studio e la revola de ll’arte. Si vuje ve mettite no pocorillo a lleggere chesta bella traduzzione, persuaditeve, che nce trovate lo spasso vuosto, pecca è na cosa tanto originale che non sapite a cchi dare lla deritta si a Dante o a lo traduttore. E non è piccola cosa chesta. Vuje nce pazziate? Si è mò, che la traduzzione, mparola, scritta estemporaneamente fa chiasso e se legge co na grannissema soddisfazione ncopp’a na carta volante de giornale, cche ssarrà quanno sarrà limmata e stampata dint’a no libbro?

Io mme congratulo co lo Sio Mineco, e lo prego de secotià lo mpegno, che s’have accollato, pe dà lo smacco a quarche lengua a ffuorfece che sole dicere, ca Jaccarino è ll’autore de ll’opere ’mperfette. Chesto pe mo — appriesso toccarrimmo meglio chisto tasto, lo quale accorda co l’organo de la maggioranza.

luigi cassitto da bonito


N.°7.

Questo articolo diede occasione al Giornale La Staffetta1, di Napoli, notiziario settimanale con agenzia annessa, nel

  1. Direttore l’Amico del sig. Jaccarino, del Principe Gonzaga, del Barone Guiscardi, il Cav. giuseppe pietro giustini, che fu poi Nemico di tutti, e poi nuovamente Amico!!... È buono qui si sappia non essere il giustini Socio della Scuola Dantesca Napolitana, nè degli altri sodalizii da me fondati in Napoli.

    D. Jaccarino.