Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
“Benedizione e maledizione.” DEUTERONOMIO, 12. Il Santuario unico.
cenda contro a voi; e ch’egli non serri il cielo, sì che non vi sia pioggia, e che la terra non porti la sua rendita, e che voi non periate subitamente d’in sul buon paese che il Signore vi dà1.

18  Anzi mettetevi queste mie parole nel cuore e nell’animo, e legatevele per segnale in su le mani, e sienvi per frontali fra gli occhi.

19  E insegnatele a’ vostri figliuoli, ragionandone quando sedete nelle vostre case, e quando camminate per via, e quando giacete, e quando vi levate.

20  Scrivetele ancora sopra gli stipiti delle vostre case, e sopra le vostre porte;

21  Acciocchè i vostri giorni, e i giorni de’ vostri figliuoli, sieno moltiplicati sopra la terra, la quale il Signore giurò a’ vostri padri di dar loro, come i giorni del cielo sopra la terra2.

22  Perciocchè, se voi del tutto osservate tutti questi comandamenti, i quali io vi do, per metterli in opera, per amare il Signore Iddio vostro, per camminare in tutte le sue vie, e per attenervi a lui;

23  Il Signore scaccerà tutte quelle genti dal vostro cospetto; e voi possederete il paese di nazioni più grandi, e più potenti di voi.

24  Ogni luogo che la pianta del vostro piè calcherà sarà vostro; i vostri confini saranno dal deserto fino al Libano; e dal Fiume, dal fiume Eufrate3, fino al mare occidentale.

25  Niuno vi potrà stare a fronte; il Signore Iddio vostro metterà spavento, e tema di voi per tutto il paese, sopra il quale voi camminerete, siccome egli ve ne ha parlato4.

26  Ecco, io metto oggi davanti a voi benedizione e maledizione5;

27  Benedizione, se voi ubbidite a’ comandamenti del Signore Iddio vostro, i quali oggi vi do6;

28  E maledizione, se non ubbidite a’ comandamenti del Signore Iddio vostro, e se vi rivoltate dalla via che oggi vi comando, per andar dietro a dii stranieri, i quali voi non avete conosciuti7.

29  Ora, quando il Signore Iddio tuo ti avrà introdotto nel paese nel quale tu entri per possederlo, pronunzia la benedizione sopra il monte di Gherizim, e la maledizione sopra il monte di Ebal8.

30  Non sono essi di là dal Giordano, lungo la strada verso il Ponente, nel paese dei Cananei che abitano nella pianura, dirincontro a Ghilgal, presso alle pianure di More?

31  Conciossiachè adunque voi passiate il Giordano, per entrare a possedere il paese che il Signore Iddio vostro vi dona,
e che voi lo possederete, e in esso abiterete;

32  Prendete guardia di mettere in opera tutti gli statuti e le leggi che oggi vi propongo.

Il Santuario unico.

12  QUESTI sono gli statuti e le leggi, i quali voi osserverete, per metterli in opera, nel paese che il Signore Iddio de’ vostri padri vi dà, per possederlo, tutto il tempo che voi viverete in su la terra.

2  Del tutto distruggete tutti i luoghi, ne’ quali quelle nazioni, il cui paese voi possederete, hanno servito agl’iddii loro, sopra gli alti monti, e sopra i colli, e sotto qualunque albero verdeggiante;

3  E disfate i loro altari, e spezzate le loro statue, e bruciate col fuoco i lor boschi, e tagliate a pezzi le sculture de’ lor dii; e sterminate il lor nome da quel luogo9.

4  Non fate così inverso il Signore Iddio vostro.

5  Anzi ricercatelo nel luogo che il Signore Iddio vostro avrà scelto10 d’infra tutte le vostre tribù, per sua abitazione, per mettervi il suo Nome; e là andate;

6  E adducete là i vostri olocausti, e i vostri sacrificii11, e le vostre decime, e l’offerte delle vostre mani, e i vostri voti, e le vostre offerte volontarie, e i primogeniti del vostro grosso e minuto bestiame.

7  E mangiate quivi davanti al Signore Iddio vostro, e rallegratevi voi e le vostre famiglie, di tutto ciò a che avrete messa la mano, in che il Signore Iddio vostro vi avrà benedetti.

8  Non fate secondo tutto ciò che facciamo qui oggi, facendo ciascuno tutto quello che gli pare e piace.

9  Perciocchè infino ad ora voi non siete pervenuti al riposo, e all’eredità che il Signore Iddio vostro vi dà.

10  Ma, quando voi sarete passati il Giordano, e abiterete nel paese il quale il Signore Iddio vostro vi dà a possedere, e avrete requie da tutti i vostri nemici d’ogn’intorno, e abiterete in sicurtà;

11  Allora adducete al luogo, il quale il Signore Iddio vostro avrà eletto12, per istanziarvi il suo Nome, tutte le cose che io vi comando: i vostri olocausti, e i vostri sacrificii; le vostre decime, e l’offerte delle vostre mani, e tutta la scelta de’ vostri voti che avrete fatti al Signore;

12  E rallegratevi davanti al Signore Iddio vostro, voi, e i vostri figliuoli, e le vostre figliuole, e i vostri servi, e le vostre serve, e il Levita che sarà dentro alle vostre porte; conciossiachè egli non abbia nè parte, nè possessione fra voi.

  1. Gios. 23. 13, 15, 16.
  2. Sal. 89. 29.
  3. Gen. 15. 18. 1 Re 4.21.
  4. Es. 23. 27.
  5. Deut. 30. 19.
  6. Deut. 28. 1-14.
  7. Deut. 28. 15-45.
  8. Gios. 8. 33-35.
  9. Es. 34. 13. Num. 33. 52. Deut. 7. 5.
  10. Deut. 14. 22, ecc. 1 Re. 8. 29. Sal. 78. 67, 68.
  11. Lev. 17. 3, 4.
  12. ver. 5, 6 e rif.

166