Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
di Aser, di Neftali e di Dan. GIOSUÈ, 20. Timnat-Sera data a Giosuè.

La parte di Aser.

24  Poi la quinta sorte fu tratta per la tribù de’ figliuoli di Aser, secondo le lor nazioni.

25  E della lor contrada fu Helcat, e Hali, e Beten, e Acsaf;

26  E Alammelec, e Amead, e Miseal; e il lor confine si scontrava in Carmel, verso il mare, e in Sihor-libnat.

27  Poi ritornava verso il Levante in Bet-dagon, e si scontrava in Zabulon, e nella valle d’Iftael, verso il Settentrione, e in Bet-emec, e in Neiel, e faceva capo a Cabul, dalla man sinistra;

28  E comprendeva Ebron, e Rehob, e Hammon, e Cana, fino a Sidon, la gran città.

29  Poi questo confine si volgeva verso Rama infino a Tiro, città forte; e di là si rivolgeva verso Hosa, e faceva capo al mare, dalla costa di Aczib;

30  E comprendeva Umma, e Afec, e Rehob; ventidue città, con le lor villate.

31  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Aser, secondo le lor nazioni, cioè: queste città con le lor villate.

La parte di Neftali

32  LA sesta sorte fu tratta per li figliuoli di Neftali, secondo le lor nazioni.

33  E il lor confine fu da Helef, e da Allon fino in Saanannim; e da Adaminecheb, e Iabneel, fino a Laccum; e faceva capo al Giordano.

34  E questo confine si volgeva dall’Occidente verso Asnot-tabor, e di là procedeva fino a Huccoc; e dal Mezzodì si scontrava in Zabulon, e dall’Occidente in Aser; e da Giuda il Giordano era dal Levante.

35  E le città forti erano Siddim, e Ser, e Hammat, e Raccat, e Chinneret;

36  E Adama, e Rama, e Hasor;

37  E Chedes, ed Edrei, ed En-hasor;

38  E Ireon, e Migda-el, e Horem, e Bet-anat, e Bet-semes; diciannove città, con le lor villate.

39  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Neftali, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

La parte di Dan.

40  La settima sorte fu tratta per la tribù de’ figliuoli di Dan, secondo le lor nazioni.

41  E della contrada della loro eredità fu Sorea, ed Estaol, e Irsemes;

42  E Saalabbim, e Aialon, e Itla;

43  Ed Elon, e Timnata, ed Ecron;

44  Ed Elteche, e Ghibbeton, e Baalat;

45  E Iud, e Bene-berac, e Gat-rimmon;

46  E Me-iarcon, e Raccon, con la contrada che è dirimpetto a Iafo.

47  Ora, a’ figliuoli di Dan scaddero i
confini troppo piccoli per loro; e però salirono, e combatterono Lesem, e la presero, e la misero a fil di spada, e la possedettero, e abitarono in essa, e le posero nome Dan, del nome di Dan, lor padre.

48  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Dan, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

Timnat-sera data a Giosuè.

49  Ora, dopo che i figliuoli d’Israele ebber finito di prender la possessione del paese, secondo i suoi confini, diedero eredità a Giosuè, figliuolo di Nun, per mezzo loro.

50  Secondo il comandamento del Signore, gli diedero la città ch’egli chiese, cioè: Timnat-sera, nel monte di Efraim; ed egli riedificò la città, e abitò in essa.

51  Queste sono le eredità, le quali il Sacerdote Eleazaro, e Giosuè, figliuolo di Nun, e i Capi delle nazioni paterne delle tribù de’ figliuoli d’Israele, spartirono a sorte, in Silo, davanti al Signore, all’entrata del Tabernacolo della convenenza; e così finirono di spartire il paese.


Giosuè stabilisce sei città di rifugio.

20  POI il Signore parlò a Giosuè, dicendo: Parla a’ figliuoli d’Israele, dicendo:

2  Costituitevi le città del rifugio, delle quali io vi parlai per Mosè1;

3  Acciocchè l’ucciditore, che avrà uccisa una persona per errore, disavvedutamente, si rifugga là; ed esse vi saranno per rifugio da colui che ha la ragione di vendicare il sangue.

Un tale adunque si rifuggirà in una di quelle città; e, fermatosi all’entrata della porta della città, dirà agli Anziani della città le sue ragioni; ed essi l’accoglieranno a loro dentro alla città, e gli daranno luogo, ed egli abiterà con loro.

5  E quando colui che ha la ragione di vendicare il sangue lo perseguiterà, essi non gliel daranno nelle mani; perciocchè egli ha ucciso il suo prossimo disavvedutamente, non avendolo per addietro odiato.

6  Ed egli starà in quella città, finchè, alla morte del sommo Sacerdote che sarà a que’ dì, egli comparisca in giudicio davanti alla raunanza; allora l’ucciditore se ne ritornerà, e verrà alla sua città, e alla sua casa; alla città, onde egli sarà fuggito.

I figliuoli d’Israele adunque consacrarono Chedes in Galilea, nel monte di Neftali; e Sichem nel monte di Efraim; e Chiriat-arba, che è Hebron, nel monte di Giuda.

8  E di là dal Giordano di Gerico, verso Oriente, costituirono Beser, nel deserto,
  1. Es. 21. 13. Num. 35. 6, 11-14. Deut. 19. 2, 9.

205