Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Castigo di Simi 1 RE, 3. Salomone sceglie la sapienza.
34 Così Benaia, figliuolo di Ioiada, salì, e si avventò sopra lui, e lo fece morire. Poi fu seppellito nella sua casa nel deserto.

35  Ed il re costituì Benaia, figliuolo di Ioiada, sopra l’esercito, in luogo di esso. Il re ordinò eziandio il sacerdote Sadoc, in luogo di Ebiatar.

36  Poi il re mandò a chiamare Simi, e gli disse: Edificati una casa in Gerusalemme, e dimoravi, e non uscirne nè qua, nè là.

37  Perciocchè al giorno che tu ne sarai uscito, e sarai passato il torrente di Chidron, sappi pur che del tutto tu morrai; il tuo sangue sarà sopra la tua testa.

38  E Simi disse al re: La parola è buona; il tuo servitore farà come il re, mio signore, ha detto. E Simi stette in Gerusalemme un lungo spazio di tempo.

39  Ed in capo di tre anni, avvenne che due servi di Simi se ne fuggirono ad Achis, figliuolo di Maaca, re di Gat. E ciò fu rapportato a Simi, e gli fu detto: Ecco, i tuoi servi sono in Gat.

40  E Simi si levò, e sellò il suo asino, e andò in Gat, ad Achis, per cercare i suoi servi; e andò, e ricondusse i suoi servi da Gat.

41  E fu rapportato a Salomone che Simi era andato da Gerusalemme in Gat, ed era ritornato.

42  E il re mandò a chiamar Simi, e gli disse: Non ti avea io fatto giurare per lo Signore, e non ti avea io protestato, dicendo: Al giorno che tu uscirai, e andrai o qua o là, sappi pur che del tutto tu morrai? E tu mi dicesti: La parola che io ho udita è buona.

43  Perchè dunque non hai osservato il giuramento del Signore, e il comandamento che io ti avea fatto?

44  Il re, oltre a ciò, disse a Simi: Tu sai tutto il male che tu hai fatto a Davide, mio padre, del quale il tuo cuore è consapevole; e per ciò il Signore ha fatto ritornare in sul tuo capo il male che tu hai fatto.

45  Ma il re Salomone sarà benedetto, e il trono di Davide sarà stabile davanti al Signore in perpetuo.

46  E, per comandamento del re, Benaia, figliuolo di Ioiada, uscì, e si avventò sopra lui, ed egli morì. Ed il reame fu stabilito nelle mani di Salomone.

3  OR Salomone s’imparentò con Faraone, re di Egitto; e prese la figliuola di Faraone, e la menò nella Città di Davide, finchè avesse compiuto di edificare la sua casa, e la Casa del Signore, e le mura di Gerusalemme d’ogn’intorno.

2  Solo il popolo sacrificava sopra gli alti luoghi1; perciocchè fino a que’ dì non era stata edificata Casa al Nome del Signore. 3  Ma pur Salomone amò il Signore2, camminando negli statuti di Davide, suo padre; solo sacrificava, e faceva profumi sopra gli alti luoghi.

4  IL re andò eziandio in Gabaon, per sacrificar quivi; perciocchè quello era il grande alto luogo3. Salomone offerse mille olocausti sopra quell’Altare.

5  E il Signore apparve a Salomone, in Gabaon, di notte, in sogno4. E Iddio gli disse: Chiedi ciò che tu vuoi che io ti dia.

6  E Salomone disse: Tu hai usata gran benignità inverso Davide, mio padre, tuo servitore, siccome egli è camminato davanti a te in lealtà, ed in giustizia, e in dirittura di cuore verso te; e tu gli hai ancora riserbata questa gran benignità, che tu gli hai dato un figliuolo che siede sopra il suo trono, come oggi appare.

7  Ora dunque, Signore Iddio mio, tu hai costituito re me, tuo servitore, in luogo di Davide, mio padre; ed io sono un piccol fanciullo, e non so nè uscire nè entrare.

8  E il tuo servitore è in mezzo del tuo popolo che tu hai eletto, ch’è un popolo grande, il quale, per la moltitudine, non si può contare, nè annoverare.

9  Da’ dunque al tuo servitore un cuore intendente5, per giudicare il tuo popolo, per discernere tra il bene ed il male; perciocchè, chi potrebbe giudicare questo tuo popolo ch’è in così gran numero?

10  E questo piacque al Signore, che Salomone avesse chiesta una tal cosa.

11  E Iddio gli disse: Perciocchè tu hai chiesta questa cosa, e non hai chiesta lunga vita, nè ricchezze, nè la vita de’ tuoi nemici6; anzi hai chiesto di avere intelletto per essere intendente a giudicare;

12  Ecco, io fo secondo la tua parola; ecco, io ti do un cuor savio ed intendente7; talchè nè davanti a te è stato, nè dopo te sorgerà alcuno pari a te8.

13  Ed oltre a ciò, io ti do quello che tu non mi hai chiesto9, ricchezze e gloria; talchè fra i re non ne fu mai alcun tale, qual tu sarai tutto il tempo della tua vita.

14  E se tu cammini nelle mie vie, per osservare i miei statuti ed i miei comandamenti, come è camminato Davide, tuo padre, io prolungherò il tempo della tua vita10.

15  E Salomone si svegliò, ed ecco un sogno. Poi se ne venne in Gerusalemme, e si presentò davanti all’Arca del Patto del Signore, ed offerse olocausti, e sacrificò sacrificii da render grazie; fece eziandio un convito a tutti i suoi servitori.


  1. Lev. 17. 3-5
  2. Deut. 6. 5 Rom. 8. 28 1 Cor. 8. 3
  3. 1 Cron. 16. 39 2 Cron. 1. 3
  4. 2 Cron. l. 7, ecc.
  5. Prov. 2. 3-9 Giac. 1. 5
  6. Giac. 4. 3
  7. 1 Giov. 5. 14,15
  8. 1 Re. 10. 23, ecc.
  9. Mat. 6. 33 Ef. 3. 20
  10. Prov. 3. 1,2

294