Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/419

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dedicazione del Tempio. ESDRA, 7. Esdra mandato in Giudea.

Dedicazione del Tempio e celebrazione della Pasqua.

16  E I figliuoli d’Israele, i sacerdoti, i Leviti, e gli altri d’infra quelli ch’erano stati in cattività, celebrarono la dedicazione di questa Casa di Dio con allegrezza.

17  E, per la dedicazione di questa Casa di Dio, offersero cento giovenchi, dugento montoni, e quattrocento agnelli; e per sacrificio per lo peccato per tutto Israele, dodici becchi, secondo il numero delle tribù d’Israele.

18  E costituirono i sacerdoti nelle lor mute, e i Leviti ne’ loro spartimenti, per fare il servigio di Dio, che abita in Gerusalemme, secondo che è scritto nel libro di Mosè1.

19  Poi quelli ch’erano stati in cattività fecero la Pasqua al quartodecimo giorno del primo mese;

20  perciocchè i sacerdoti ed i Leviti si erano purificati di pari consentimento, ed erano tutti netti; e scannarono la Pasqua per tutti quelli ch’erano stati in cattività, e per li sacerdoti, lor fratelli, e per sè stessi.

21  Così i figliuoli d’Israele, ch’erano ritornati dalla cattività, e tutti quelli che si erano ridotti a loro, separandosi dalla contaminazione delle genti del paese, per cercare il Signore Iddio d’Israele, mangiarono la Pasqua.

22  E celebrarono la festa degli Azzimi per sette giorni con allegrezza2 ; perciocchè il Signore li avea rallegrati, avendo rivolto verso loro il cuore del re di Assiria3, per dar loro aiuto e favore, nell’opera della Casa di Dio, dell’Iddio d’Israele.


Il re Astaserse manda Esdra in Gerusalemme per ristabilirvi il servigio divino.

7 ORA, dopo queste cose, sotto il regno di Artaserse4, re di Persia, Esdra, figliuolo di Seraia, figliuolo di Azaria, figliuolo di Hilchia,

2  figliuolo di Sallum, figliuolo di Sadoc, figliuolo di Ahitub,

3  figliuolo di Amaria, figliuolo di Azaria, figliuolo di Meraiot,

4  figliuolo di Zerahia, figliuolo di Uzzi,

5  figliuolo di Bucchi, figliuolo di Abisua, figliuolo di Finees, figliuolo di Eleazaro, figliuolo d’Aaronne, sommo sacerdote;

6  esso Esdra ritornò in Babilonia (or egli era scriba, esercitato nella Legge di Mosè, la quale il Signore Iddio d’Israele avea data), e il re gli diede tutto ciò ch’egli domandò, secondo che la mano del Signore Iddio suo era sopra lui5.

7  E con lui ritornarono in Gerusalemme de’ figliuoli d’Israele6, e de’ sacerdoti, e dei Leviti, e de’ cantori, e de’ portinai, e dei Netinei; l’anno settimo del re Artaserse.

8  Ed egli arrivò in Gerusalemme al quinto mese dell’anno settimo del re.

9  Perciocchè al primo giorno del primo mese fu fermata la dipartita di Babilonia; e al primo giorno del quinto mese egli arrivò in Gerusalemme, secondo che la mano del Signore era buona sopra lui.

10  Conciossiachè Esdra avesse disposto il cuor suo, per ricercar la Legge del Signore, e per eseguirla, e per insegnare gli statuti, e le leggi in Israele7.

11  Or questo è il tenore delle lettere che il re Artaserse diede ad Esdra sacerdote, e scriba, scriba delle parole de’ comandamenti del Signore, e de’ suoi statuti dati a Israele:

12  Artaserse, re dei re, ad Esdra sacerdote, scriba della Legge dell’Iddio del cielo: compiuta salute, ecc.

13  Da me è stato fatto un decreto, che tutti quelli d’infra il popolo d’Israele, e de’ sacerdoti loro, e de’ Leviti, che nel mio regno si disporranno volontariamente ad andare in Gerusalemme, vadano teco.

14  Perciocchè tu sei mandato dal re, e da’ suoi sette consiglieri, per informarti in Giudea ed in Gerusalemme, intorno alla Legge dell’Iddio tuo, che tu hai in mano;

15  e per portar l’argento e l’oro che il re e i suoi consiglieri hanno volontariamente offerto all’Iddio d’Israele, la cui abitazione è in Gerusalemme;

16  e tutto l’argento e l’oro che tu troverai in tutta la provincia di Babilonia, insieme con le offerte volontarie del popolo, e de’ sacerdoti, le quali faranno per la Casa dell’Iddio loro, che è in Gerusalemme.

17  Acciocchè con que’ danari tu comperi prontamente giovenchi, montoni ed agnelli, insieme con le loro offerte di panatica e da spandere; e che tu li offerisca sopra l’Altare della Casa del vostro Dio, che è in Gerusalemme.

18  E del rimanente dell’oro e dell’argento fatene ciò che parrà a te ed a’ tuoi fratelli, secondo la volontà del vostro Dio.

19  E quant’è agli arredi che ti son dati per lo servigio della Casa dell’Iddio tuo, rimettili nel cospetto dell’Iddio di Gerusalemme.

20  E le altre cose necessarie per la Casa dell’Iddio tuo, le quali ti accaderà fornire, tu le fornirai della camera del re.

21  Ed io Artaserse, il re, ordino a tutti voi tesorieri che siete di là dal fiume, che tutto quello che il sacerdote Esdra, scriba della Legge dell’Iddio del cielo, vi chiederà, sia incontanente fatto,


  1. Num. 8. 9, ecc.
  2. Es. 12. l, ecc.
  3. Prov. 21. 1
  4. Neem. 2. 1
  5. Esd. 8. 22,31
  6. cap. 8
  7. Deut. 33. 10 Neem. 8. 1-8 Mal. 2. 7

411