Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/459

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Niuno uccello rapace ne sa il sentiero, E l’occhio dell’avvoltoio non riguardò mai là. 

8  I leoncini della leonessa non calcarono giammai que’ luoghi, Il leone non vi passò giammai.

L’uomo mette la mano a’ macigni; Egli rivolta sottosopra i monti fin dalla radice.

10  Egli fa de’ condotti a’ rivi per mezzo le rupi; E l’occhio suo vede ogni cosa preziosa.

11  Egli tura i fiumi che non gocciolino, E trae fuori in luce le cose nascoste.

12  Ma la sapienza, onde si trarrà ella? E dov’è il luogo dell’intelligenza?

13  L’uomo non conosce il prezzo di essa; Ella non si trova nella terra de’ viventi.

14  L’abisso dice: Ella non è in me; E il mare dice: Ella non è appresso di me.

15  Ei non si può dare oro per essa, Nè può pesarsi argento per lo prezzo suo.

16  Ella non può essere apprezzata ad oro di Ofir, ad onice prezioso, a zaffiro.

17  Nè l’oro, nè il diamante, non posson pareggiarla di prezzo; Ed alcun vasellamento d’oro fino non può darsi in iscambio di essa.

18  Appo lei non si fa menzione di coralli, nè di perle; La valuta della sapienza è maggiore che quella delle gemme.

19  Il topazio di Etiopia non la può pareggiar di prezzo; Ella non può essere apprezzata ad oro puro.

20  Onde viene adunque la sapienza? E dove è il luogo dell’intelligenza?

21  Conciossiachè ella sia nascosta agli occhi d’ogni vivente, Ed occulta agli uccelli del cielo.

22  Il luogo della perdizione e la morte dicono: Noi abbiamo con gli orecchi solo udita la fama di essa.

23  Iddio solo intende la via di essa, E conosce il suo luogo.

24  Perciocchè egli riguarda fino all’estremità della terra, Egli vede sotto tutti i cieli.

25  Quando egli dava il peso al vento, E pesava le acque a certa misura;

26  Quando egli poneva il suo ordine alla pioggia, E la via a’ lampi de’ tuoni;

27  Allora egli la vedeva, e la contava; Egli l’ordinava, ed anche l’investigava.

28  Ma egli ha detto all’uomo: Ecco, il timor del Signore è la sapienza; E il ritrarsi dal male è l’intelligenza.

29  E GIOBBE riprese il suo ragionamento, e disse:

2  Oh! fossi io pure come a’ mesi di prima, Come al tempo che Iddio mi guardava!

3  Quando egli faceva rilucere la sua lampana sopra il mio capo, E quando io camminava al suo lume, per mezzo le tenebre;

4  Come io era al tempo della mia giovanezza, Mentre il consiglio di Dio governava il mio tabernacolo;

5  Mentre l’Onnipotente era ancora meco, E i miei famigli mi erano d’intorno;

6  Mentre io lavava i miei passi nel burro, E le rocce versavano presso di me de’ ruscelli d’olio.

7  Quando io andava fuori alla porta per la città, O mi faceva porre il mio seggio in su la piazza,

8  I fanciulli, veggendomi, si nascondevano; E i vecchi si levavano, e stavano in piè;

9  I principali si rattenevano di parlare, E si mettevano la mano in su la bocca;

10  La voce de’ rettori era celata, E la lor lingua era attaccata al lor palato;

11  L’orecchio che mi udiva mi celebrava beato; L’occhio che mi vedeva mi rendeva testimonianza;

12  Perciocchè io liberava il povero che gridava, E l’orfano che non avea chi l’aiutasse.

13  La benedizione di chi periva veniva sopra me; Ed io faceva cantare il cuor della vedova.

14  Io mi vestiva di giustizia, ed ella altresì mi rivestiva; La mia dirittura mi era come un ammanto, e come una benda.

15  Io era occhi al cieco, E piedi allo zoppo.

16  Io era padre a’ bisognosi, E investigava la causa che mi era sconosciuta.

17  E rompeva i mascellari al perverso, E gli faceva gittar la preda d’infra i denti.

18  Onde io diceva: Io morrò nel mio nido, E moltiplicherò i miei giorni come la rena.

19  La mia radice era aperta alle acque, E la rugiada era tutta la notte in su i miei rami.

20  La mia gloria si rinnovava in me, E il mio arco si rinforzava in mano mia.

21  Altri mi ascoltava, ed aspettava che io avessi parlato; E taceva al mio consiglio.

22  Dopo che io avea parlato, niuno replicava; E i miei ragionamenti stillavano sopra loro.

23  Essi mi aspettavano come la pioggia, Ed aprivano la bocca, come dietro alla pioggia della stagione della ricolta.

24  Se io rideva verso loro, essi nol credevano, E non facevano scader la chiarezza della mia faccia.

25  Se mi piaceva d’andar con loro, io sedeva in capo, Ed abitava con loro come un

Prov. 3. 13, ecc. ; 8. 10, ecc. ; 16. 16.

Ef. 0. 14, ecc. / Prov, 29. 7.

6 Prov. 1. 5. 3. Eccles. 12. 15. Prov. 21. 13.

Sal. 1. 3. Ger. 17. 8.

451 15-2