Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/775

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


caduta; perciocchè era fondata sopra la roccia.

26 

Ma chiunque ode queste parole, e non le mette ad effetto, sarà assomigliato ad un uomo pazzo, il quale ha edificata la sua casa sopra la rena. 

27  E quando la pioggia è caduta, e son venuti i torrenti, e i venti hanno soffiato, e si sono avventati a quella casa, ella è caduta, e la sua ruina è stata grande.

28  Ora, quando Gesù ebbe finiti questi ragionamenti, le turbe stupivano della sua dottrina;

29  perciocchè egli le ammaestrava, come avendo autorità, e non come gli Scribi.

8  ORA, quando egli fu sceso dal monte, molte turbe lo seguitarono.

2  Ed ecco, un lebbroso venne, e l’adorò, dicendo: Signore, se tu vuoi, tu puoi nettarmi.

3  E Gesù, distesa la mano, lo toccò, dicendo: Sì, io lo voglio, sii netto. E in quello stante la lebbra di esso fu nettata.

4  E Gesù gli disse: Guarda che tu nol dica ad alcuno; ma va’, mostrati al sacerdote, ed offerisci l’offerta che Mosè ordinò, in testimonianza a loro.

5  ORA, quando egli fu entrato in Capernaum, un centurione venne a lui, pregandolo, e dicendo:

6  Signore, il mio famiglio giace in casa paralitico, gravemente tormentato.

7  E Gesù gli disse: Io verrò, e lo sanerò.

8  Ed il centurione, rispondendo, disse: Signore, io non son degno che tu entri sotto al mio tetto; ma solamente di’ la parola, ed il mio famiglio sarà guarito.

9  Perciocchè io son uomo sottoposto alla podestà altrui, ed ho sotto di me de’ soldati; e pure, se dico all’uno: Va’, egli va; e se all’altro: Vieni, egli viene; e se dico al mio servitore: Fa’ questo, egli lo fa.

10  E Gesù, avendo udite queste cose, si maravigliò, e disse a coloro che lo seguitavano: Io vi dico in verità, che non pure in Israele ho trovata cotanta fede.

11  Or io vi dico, che molti verranno di Levante e di Ponente, e sederanno a tavola con Abrahamo, con Isacco, e con Giacobbe, nel regno de’ cieli.

12  Ed i figliuoli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori. Quivi sarà il pianto, e lo stridor de’ denti.

13  E Gesù disse al centurione: Va’; e come hai creduto, siati fatto. Ed il suo famiglio fu guarito in quello stante.

14  POI Gesù, entrato nella casa di Pietro, vide la suocera di esso che giaceva in letto con la febbre.

15  Ed egli le toccò la mano, e la febbre la lasciò; ed ella si levò, e ministrava loro.

16  Ora, fattosi sera, gli furono presentati molti indemoniati; ed egli, con la parola, cacciò fuori gli spiriti, e sanò tutti i malati;

17  acciocchè si adempiesse ciò che fu detto dal profeta Isaia dicendo: Egli ha prese sopra di sè le nostre infermità, ed ha portate le nostre malattie.

18  OR Gesù, vedendo d’intorno a sè molte turbe, comandò che si passasse all’altra riva.

19  Allora uno Scriba, accostatosi, gli disse: Maestro, io ti seguirò, dovunque tu andrai.

20  E Gesù gli disse: Le volpi hanno delle tane, e gli uccelli del cielo de’ nidi; ma il Figliuol dell’uomo non ha pur dove posare il capo.

21  Poi un altro, ch’era de’ suoi discepoli, gli disse: Signore, permettimi che prima io vada, e seppellisca mio padre.

22  Ma Gesù gli disse: Seguitami, e lascia i morti seppellire i loro morti.

23  ED essendo egli entrato nella navicella, i suoi discepoli lo seguitarono.

24  Ed ecco, avvenne in mare un gran movimento, talchè la navicella era coperta dalle onde; or egli dormiva.

25  E i suoi discepoli, accostatisi, lo svegliarono, dicendo: Signore, salvaci, noi periamo.

26  Ed egli disse loro: Perchè avete voi paura, o uomini di poca fede? E destatosi, sgridò i venti e il mare, e si fece gran bonaccia.

27  E la gente si maravigliò, dicendo: Qual uomo è costui, che eziandio il mare ed i venti gli ubbidiscono?

28  E QUANDO egli fu giunto all’altra riva, nella contrada de’ Ghergheseni, gli si

Guariffione d un lebbroso.

(Mar. 1. 4(}-45. Luc. 5. 12-14.)

La siwcera di Pletro.

(Mar. 1. 2y-;i4. Luc. 4. 38-41.)

Gesa acqueta la tempesta.

(Mar. 4. 35-41. Luc. 8. 2->--25.)

GV indemoniati Ghergheseni.

(Mar. 5. 1-17. Luc. 8. 2;3-:{7.)

Mar. 1. 22; Luc. 4. 32.

Isa.SS. 4. /Mar. 4.S5.

Lev. 14. 2, ecc. <= Is. 2. 2. 3. Luc. 13. 29. 1 Cor. 9. 5.

Luc. 8. 22. Sal. 65. 7; 89. 9 ; 107. 23-29.