Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/494

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Davide brama Iddio. SALMI 63–65. Dio lodato in Sion.
tempo; spandete i vostri cuori nel suo cospetto; iddio è la nostra speranza. (Sela.)

9 Gli uomini volgari non sono altro che vanità, e i nobili altro che menzogna; se fosser messi in bilance, tutti insieme sarebbero più leggieri che la vanità stessa.

10 Non vi confidate in oppressione, nè in rapina; non datevi alla vanità; se le ricchezze abbondano, non vi mettete il cuore1.

11 Iddio ha parlato una volta, e due volte ho udito lo stesso; che ogni forza appartiene a Dio2;

12 E che a te, Signore, appartiene la benignità3; perciocchè tu renderai la retribuzione a ciascuno secondo le sue opere4.

SALMO 63.

Davide brama la presenza di Dio.

Salmo di Davide, composto quando egli era nel deserto di Giuda5.

1 O DIO, tu sei l’Iddio mio, io ti cerco; l’anima mia è assetata di te; la mia carne ti brama In terra arida ed asciutta, senz’acqua.

2 Così ti ho io mirato nel santuario, riguardando la tua forza, e la tua gloria.

3 Perciocchè la tua benignità è cosa buona più che la vita, le mie labbra ti loderanno.

4 Così ti benedirò in vita mia; io alzerò le mie mani nel tuo Nome.

5 L’anima mia è saziata come di grasso e di midolla; e la mia bocca ti loderà con labbra giubilanti.

6 Quando io mi ricordo di te sul mio letto. Io medito di te nelle veglie della notte.

7 Perciocchè tu mi sei stato in aiuto, io giubilo all’ombra delle tue ale.

8 L’anima mia è attaccata dietro a te; la tua destra mi sostiene.

9 Ma quelli che cercano l’anima mia, per disertarla, entreranno nelle più basse parti della terra.

10 Saranno atterrati per la spada; saranno la parte delle volpi.

11 Ma il re si rallegrerà in Dio; chiunque giura per lui, si glorierà; perciocchè la bocca di quelli che parlano falsamente sarà turata.

SALMO 64.

Davide domanda e spera liberazione.

Salmo di Davide, dato al Capo de’ Musici.

1 O DIO, ascolta la mia voce, mentre io fo la mia orazione; guarda la vita mia dallo spavento del nemico.

2 Nascondimi dal consiglio de’ maligni, e dalla turba degli operatori d’iniquità;

3 I quali hanno aguzzata la lor lingua come una spada; e in luogo di saette, hanno tratte parole amare;

4 Per saettar l’uomo intiero in luoghi nascosti; di subito improvviso lo saettano, e non hanno timore alcuno.

5 Fermano fra loro pensieri malvagi; divisano di tender di nascosto lacci, dicono: Chi li vedrà?

6 Investigano malizie; ricercano tutto ciò che si può investigare; e quanto può l’interior dell’uomo, ed un cuor cupo.

7 Ma Iddio li saetterà; le lor ferite saranno come di saetta subitanea.

8 E le lor lingue saranno traboccate sopra loro6; chiunque li vedrà fuggirà.

9 E tutti gli uomini temeranno, e racconteranno l’opera di Dio; e considereranno quello ch’egli avrà fatto.

10 Il giusto si rallegrerà nel Signore, e spererà in lui; e tutti quelli che son diritti di cuore, si glorieranno.

SALMO 65.

Lodi e ringraziamenti per i beni ricevuti.

Salmo di cantico di Davide, dato al Capo de’ Musici.

1 O DIO, lode ti aspetta in Sion; e quivi ti saran pagati i voti.

O tu ch’esaudisci i preghi, ogni carne verrà a te.

3 Cose inique mi avevano sopraffatto; ma tu purghi le nostre trasgressioni7.

4 Beato colui che tu avrai eletto, ed avrai fatto accostare a te. Acciocchè abiti ne’ tuoi cortili! Noi saremo saziati de’ beni della tua Casa, delle cose sante del tuo Tempio.

5 O Dio della nostra salute, confidanza di tutte le estremità le più lontane della terra e del mare, rispondici, per la tua giustizia, in maniere tremende.

6 Esso, colla sua potenza, ferma i monti; egli è cinto di forza.

7 Egli acqueta il romor de’ mari, lo strepito delle sue onde8, e il tumulto de’ popoli.

8 Onde quelli che abitano nella estremità della terra temono de’ tuoi miracoli: Tu fai giubilare i luoghi, onde esce la mattina e la sera.

9 Tu visiti la terra, e l’abbeveri; tu l’arricchisci grandemente; i ruscelli di Dio son pieni d’acqua9; tu apparecchi agli uomini il lor frumento, dopo che tu l’hai così preparata.

10 Tu adacqui le sue porche; tu pareggi i suoi solchi; tu la stempri colle stille

  1. Luc. 12. 15. ecc. 1 Tim. 6. 9, 10, 17
  2. Apoc. 19. 1.
  3. Sal. 103. 8, ecc.
  4. Mat. 16. 27 Rom. 2. 6. 2 Cor. 5. 10. 1 Piet. 1. 17. Apoc. 22. 12.
  5. 1 Sam. 22. 5; 23. 14, ecc.
  6. Prov. 18. 7.
  7. Eb. 9. 14. 1 Giov. 1. 7, 9.
  8. Mat. 8. 26.
  9. Ger. 5. 24. Fat. 14. 17.

486