Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Regole per gli olocausti, LEVITICO,6. le offerte, i sacrifici.
montone del sacrificio per la colpa, il purgamento del peccato di esso; e gli sarà perdonato.

17  In somma, quando una persona avrà peccato, e avrà fatta alcuna di tutte quelle cose che il Signore ha vietate di fare, benchè egli non l’abbia fatto saputamente, pure è colpevole1; e deve portar la sua iniquità.

18  Adduca adunque al sacerdote un montone del prezzo che tu l’avrai tassato per la colpa; e faccia il sacerdote il purgamento dell’errore ch’egli avrà commesso per ignoranza; e gli sarà perdonato.

19  Ciò è colpa; egli del tutto si è renduto colpevole inverso il Signore.

6  IL Signore parlò ancora a Mosè, dicendo:

2  Quando alcuno avrà peccato, e commesso misfatto contro al Signore, avendo mentito al suo prossimo2 intorno a deposito, o a roba rimessagli nelle mani, o a cosa rapita; ovvero, avendo fatta fraude al suo prossimo;

3  Ovvero anche, avendo trovata alcuna cosa perduta, e avendo mentito intorno ad essa, e giurato falsamente; e in qualunque altra cosa, di tutte quelle, le quali l’uomo suol fare, peccando in esse;

4  Quando adunque alcuno avrà peccato, e sarà caduto in colpa, restituisca la cosa ch’egli avrà rapita o fraudata; o il deposito che gli sarà stato dato in guardia, o la cosa perduta che egli avrà trovata.

5  Ovvero qualunque altra cosa, della quale egli abbia giurato falsamente; restituiscane il capitale, e sopraggiungavi il quinto3; e dialo a colui al quale appartiene, nel giorno stesso del sacrificio per la sua colpa.

6  E adduca al Signore, per sacrificio per la sua colpa, un montone senza difetto, del prezzo che tu l’avrai tassato per la colpa; e menilo al sacerdote.

7  E faccia il sacerdote il purgamento per esso, nel cospetto del Signore, e gli sarà perdonato; qualunque cosa egli abbia fatta di tutte quelle, le quali si soglion fare, onde l’uomo cade in colpa.

Regole varie per gli olocausti, le offerte e i sacrifici.

8  Il Signore parlò ancora a Mosè, dicendo:

9  Comanda ad Aaronne e ai suoi figliuoli, dicendo: Quest’è la legge dell’olocausto: Stia esso olocausto sopra il fuoco acceso che sarà sopra l’Altare, tutta la notte, fino alla mattina; e arda il fuoco dell’Altare sopra esso del continuo.

10  E vestasi il sacerdote il suo vestimento di lino, e vesta la sua carne delle calze line; e levi le ceneri, nelle quali il fuoco avrà ridotto l’olocausto, con-
sumandolo sopra l’Altare; e mettale allato all’Altare.

11  Poi spogli i suoi vestimenti, e vestane degli altri, e porti la cenere fuor del campo in luogo mondo.

12  E sia il fuoco che sarà sopra l’Altare, tenuto del continuo acceso in esso; non lascisi giammai spegnere; e accenda il sacerdote ogni mattina delle legne sopra esso, e dispongavi gli olocausti sopra, e bruci sopra esso i grassi de’ sacrificii da render grazie.

13  Arda il fuoco del continuo sopra l’Altare; non lascisi giammai spegnere.

14  Ora, quest’è la legge dell’offerta di panatica. Offeriscala uno de’ figliuoli di Aaronne, nel cospetto del Signore, davanti all’Altare.

15  E levine una menata del fior di farina, e dell’olio di essa offerta, insieme con tutto l’incenso che sarà sopra l’offerta, e faccia bruciar sopra l’Altare la ricordanza di essa, in odor soave, al Signore.

16  E mangino Aaronne e i suoi figliuoli il rimanente di essa4; mangisi in azzimi, in luogo sacro, nel Cortile del Tabernacolo della convenenza.

17  Non cuocasi con lievito; io l’ho data loro per lor parte dell’offerte che mi son fatte per fuoco. È cosa santissima, come il sacrificio per lo peccato, e per la colpa.

18  Ogni maschio, d’infra i figliuoli di Aaronne, può mangiare quello, per istatuto perpetuo per le vostre età, dell’offerte che si fanno per fuoco al Signore. Chiunque toccherà quelle cose sia santo.

19  Il Signore parlò ancora a Mosè, dicendo:

20  Quest’è l’offerta, che Aaronne e i suoi figliuoli hanno sempre da offerire al Signore, nel giorno che alcun di loro sarà unto, cioè: un’offerta di panatica d’un decimo d’un Efa di fior di farina, per offerta perpetua; la metà la mattina, e l’altra metà la sera.

21  Apparecchisi con olio in su la teglia; portala così cotta in su la teglia; e offerisci, per soave odore al Signore, quella offerta cotta in pezzi.

22  E faccia il Sacerdote, che sarà unto in luogo di Aaronne, d’infra i suoi figliuoli, quella offerta per istatuto perpetuo; brucisi tutta intera al Signore.

23  E, generalmente, ogni offerta di panatica del Sacerdote brucisi interamente; non mangisene nulla.

24  Il Signore parlò ancora a Mosè, dicendo:

25  Parla ad Aaronne e a’ suoi figliuoli, dicendo: Quest’è la legge del sacrificio per lo peccato: Scannisi il sacrificio per lo peccato davanti al Signore, nell’istesso luogo dove si scannano gli olocausti; è cosa santissima.

26  Mangilo il sacerdote che farà quel
  1. Sal. 19. 12. Luca 12. 48.
  2. Lev. 19. 11. Fat. 5. 4.Col. 3. 9.
  3. 2 Sam. 12. 6. Luca 19. 8.
  4. Lev. 10. 12-14. Num. 18. 9, 10. Ezec. 44. 28, 29.