Pagina:La capanna dello zio Tom, 1871.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 131 —

la capanna dello zio tom


lere cento dollari; tra un anno o due può valerne duecento, se lo espongo sopra un mercato; laonde, al presente, io non ne accetterò meno di cinquanta.»

— «O straniero! — esclamò l’altro interlocutore — è domanda affatto ridicola.»

— «Ho deciso;» disse Haley, crollando risolutamente il capo.

— «Ve ne darò trenta — riprese lo straniero — ma non un centesimo di più.»

— «Dividiamo la differenza — disse Haiey; — datemene quarantacinque; è quanto possa fare.»

— «Va benissimo,» soggiunse l’uomo, dopo un momento di silenzio.

— «Conchiuso — disse Haley — dove andate?»

— «A Louisville» rispose l’uomo.

— «Louisville! — ripetè Haley — ottimamente; vi giungeremo sull’annottare; il bimbo sarà addormentato; a meraviglia; prendetevelo con bel garbo e senza strepito. Soglio condur le cose con dolcezza, e detesto qualunque agitazione.»

E dopo che alcuni biglietti di banca passarono dal portafoglio del compratore in quello del mercante, questi riprese il sigaro.

Facea una sera bellisssma quando il piroscafo giunse nel porto di Louisville.

La donna tenea fra le braccia il bambino profondamente addormentato. Non sì tosto udì il nome della città, depose il figlio tra due casse che formavano una specie di culla, non senza aver prima disteso sotto esso accuratamente il proprio mantello. Corse quindi allo scalo, nella speranza di veder suo marito tra i molti camerieri di locanda che ingombravan l’argine. Sporse il capo, ricercò attentamente collo sguardo tra le teste che si muovevano sopra la riva, e intanto la folla dei passeggeri si addensò tra lei e il suo figliuoletto.

— «Ecco il buon momento — disse Haley; dando di piglio al bambino addormentato e porgendolo allo straniero. — Badate a non risvegliarlo, acciò non istrilli; sarebbe un affare di casa del diavolo colla madre.» L’uomo prese garbatamente il bambino, scomparve ben presto tra la moltitudine che si avviava verso il piroscafo.

Quando il vapore, dopo aver fischiato, cigolato, si allontanò dalla sponda e riprese maestosamente la sua corsa, la donna tornò al suo posto. Vi trovò seduto il mercante di schiavi, ma più non vide il bambino.

— «Dove è? dove è?» esclamò la giovane, sorpresa e forsennata.

— «Lucia — disse il mercante — vostro figlio se ne è andato; è meglio che il sappiate subito. Sapeva che non potevate condurlo nel Sud: quindi colsi il destro di venderlo ad una ricca famiglia, che sarà in grado di allevarlo meglio che non avreste potuto educarlo voi.»