Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/357

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1285] del vespro siciliano. 341

della guerra contro il papa, sì come Carlo d’Angiò fatto avea in punto di morte per la guerra suscitata dal papa. Chiamati dunque l’arcivescovo di Tarragona, co’ vescovi di Valenza ed Huesca e altri prelati e baroni, attestò: non ad offesa della santa sede, ma secondo sue ragioni aver preso il reame di Sicilia; le scomuniche acerbe di Martino non aver meritato, ma sì come cristiano osservatole; ed or presso al divin giudizio, chiedeva all’arcivescovo l’assoluzione, promettendo che s’ei campasse, e qui ripigliava le ambagi, obbedirebbe secondo giustizia al pontefice sommo, al quale rappresenterebbesi di persona o per legati. Il giurò; e l’arcivescovo ribenedillo. Consigliato a perdonare i nimici, fe’ liberare prigioni, non però que’ d’alto affare; non mutò il testamento dettato a Port Fangos nell’ottantadue; ad alta voce si confessò a due frati; e poi a grande sforzo surse di letto, mal reggentesi e tremolante, vestissi, s’inginocchiò lagrimando e pregando dentro da sè, ed ebbe l’Eucaristia. Seppe indi arresa Girona; venuto di Sicilia Carlo, che gli restava appena un barlume di sensi, nè potè profferire risposta; ma fe’ croce delle braccia, levò gli occhi al cielo, e il dieci novembre spirò 1.

  1. D’Esclot, cap. 168.
    Montaner, cap. 145, 146.
    Geste de’ conti di Barcellona, loc. cit.
    Nic. Speciale, lib. 2, cap. 7.
    Bart. de Neocastro, cap. 100.
    Cronaca di Parma, Ricobaldo Ferrarese, Francesco Pipino, ne’ luoghi citati.
    Bofarull, tom. II, pag. 245, non porta di Pietro altro testamento che quello di Port Fangos.
    Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 71, il quale contro il detto del Montaner prova che Pietro non fe’ altro testamento. Così dunque non die’ alcuna ultima disposizione per lo reame di Sicilia, evitando un passo che l’avrebbe privato della assoluzione della Chiesa, e non lasciando men saldo sul trono di Sicilia Giacomo, fatto riconoscere già dal parlamento di Messina. In morte d’Alfonso senza figliuoli, sostituì al trono d’Aragona successivamente Giacomo, Federigo, e Pietro.