Pagina:La lanterna di Diogene.djvu/272

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 264 —


XIX.

La fine e il principio del nirvana.


Il nirvana anche per il porcello della vecchia bacucca, sta per finire.

A Savignano lavorano già, il sabato sera, la carne porcina, e s’ode questa romanella che muore lenta pei campi:

Da lontano l’abbiamo saputo
Che il baghino1 l’avete ammazzato!...

È una notizia piacevole per tutti, eccezione fatta del porcello; e così mi è stato piacevole sabato sera tornar da Savignano con una bella provvista dì braciuole, e di salsicce. La rigidezza oramai della chiara sera rende gustoso il nuovo cibo.

Le braciuole e le salsicce rosolano su la graticola e mandano un grato profumo: quasi quasi lo stender la mano su la brace non è discaro. La nonna gira la piada sul testo; e i bambini le stanno attorno.

Le ragazzette hanno scovato sui greppi i primi cespi delle insalatine che nascono di settembre: ben risciacquati alla fonte, hanno

  1. Baghino in dialetto romagnolo vale maiale.