Pagina:La riforma dell'Alcorano.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

37

ostacoli, imbarazzi, difficoltà al vero bene del Pubblico, ed ove altro non si fomenta da una parte che il lusso, la lascivia, l'orgoglio, e lo sfogo delle più sfrenate passioni; e da un’altra non si vede che nudità, viltà, abbattimento, oppressione, e schiavitù. Sembra che quanto più gli uomini sonosi sforzati a fare delle Leggi per essere felici radunandosi in gran numero, altrettanto sonosi corrotti, ed aumentata la somma de’ loro mali. Mortali non siete tutti figli della stessa terra? Come mai soffrite tanta disuguaglianza nei luoghi, ove tutto giorno pubblicate, che vi regni la pulizìa, la discrezione, e l'umanità! Disfate adunque senza indugio codesti immensi Sepolcri dealbati, e dividetevi in famiglie ben regolate negli ameni Paesi,