Pagina:LadonnafiorentinaDel Lungo.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTE

1 Matteo Villani, Cronica, VII, lxiv.

2 Giovanni Villani, Cronica, VII, lxviii.

3 Commentaires de messire Blaise de Montluc, mareschal de France; Lyon, 1593; pag. 176.

4 La donna; Milano, Agnelli, 1868; a pag. 44.

5 Lettere di una Gentildonna fiorentina del secolo XV ai figliuoli esuli pubblicate da Cesare Guasti; Firenze, Sansoni, 1877; a pag. xliv: «Che le lettere familiari sono la prima fonte storica, è cosa nota; ma che nelle lettere delle donne sia riposta la storia più intima di un popolo, vorrei averlo mostrato io con questo volume». Lo stesso Guasti altrove (Opere; Prato, Succ. Vestri; I, 596) osserva che «gli storici fiorentini non sono molto larghi nel darci tipi di donna: ma quelle che ci mettono dinanzi agli occhi, son proprio degnissime di poema non che di storia.»

6 Giosuè Carducci, Alla regina d’Italia, XX novembre MDCCCLXXVIII. A pag. 858-860 delle Poesie, Bologna, Zanichelli, 1902. E in Confessioni e battaglie, vol. IV delle Opere (Bologna, Zanichelli, 1890), a pag. 333-357, eterno Femminino regale. — Su l’uso e l’abuso, e la interpretazione critica, della frase goethiana «das Ewigweibliche» è da vedersi un bellissimo saggio di Michele Kerbaker, L’eterno Femminino e l’epilogo celeste nel Fausto di W. Goethe; Napoli, Pierro, 1903. «Per l’eterno Femminino, cioè l’eterna femminilità, nel senso più ovvio, chi non abbia riguardo al passo del Fausto, potrebbe intendersi la potente ed arcana attrattiva che la donna esercita sui sentimenti dell’uomo, mediante le speciali prerogative congenite alla sua complessione fisica e morale.» Ma dall’esame critico dell’epilogo celeste nel Fausto il Kerbaker conchiude, che quella «femminilità eterna» è «l’essenza stessa dell’indole femminile riguardata come una legge costante e provvidenziale della natura, in contrapposizione alla Mascolinità, e di cui la Beata Vergine, Madre di Dio e Regina dei cieli, è un simbolo». In quanto però la frase si presti, come s’è anche troppo compiacentemente prestata, a interpretazione astrattamente umana,