Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/354

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ANTONIO PUCCI

     E più mi loderei, se questa donna
Fusse nel core in verso di me punta
Dell’amorosa punta
104Di quel quadrel dhe accese il cor d’Elèna,
     O pur ch’ella sentisse quella pena
Ch’infiammò Dido del troiano Enea,
O quella di Medea
108Che fe a Giason acquistar tanto onore.
     E, se quest’esser non può, i’ priego Amore
Che certa faccia lei della mia doglia,
E che le piaccia e voglia
112Saper quanto le son servo fedele:
     Ed ella, che già mai non fu crudele,
Dolce, benigna, con un lieto aspetto,
Spero che mi darà qualche diletto.


(Questa e l’antecedente furono pubblicate per nozze a cura di G. Arcangeli, Prato, Alberghetti, 1852; le abbiamo rivedute sul codice magliab.)



III


     Lasso, che ’l tempo l’ora e le campane
Che ogn’or col suon mi danno nella mente
Mi fanno rimembrar quanto sovente
4A morte vanno le potenze umane.
     E penso, lasso!, sera notte e mane
Come si fugge ogni tempo presente,
E veggo che per certo egli è niente
8Ciò che desïan nostre menti vane.
     Corre per forza come pinto strale
Dal nascer questa vita a dar nel segno
11Di quella, che nïun centra lei vale.
     Dunque che fa nostro misero ingegno?
Vanitas vanitatum monta e sale,
14L’alma è sommersa, e ’l corpo è fatto indegno.




— 348 —