Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

conigliera. 7


pronta: guardò in alto, era bujo affatto: davanti a lei sfilava un lungo corridoio percorso dal Coniglio bianco ch’era sempre in vista. Non c’era tempo da perdere: Alice, come se avesse le ali, gli corse appresso, e sentì che sclamava, mentre svoltava a una cantonata, — “Giurammio! gli è tardi davvero!” Stava lì lì per raggiungerlo, ma appena passò la cantonata il Coniglio non si vide più; ed ella si trovò in una sala lunga e bassa, illuminata da una fila di lampade che pendevano dalla volta.

V’erano porte tutt’intorno alla sala, ma erano tutte serrate, e dopo che Alice andò su e giù provando tutti gli usci per vedere se fosse possibile d’aprirne qualcheduno ma sempre inutilmente, si mise a camminar mestamente nel mezzo della sala, pensando come mai avrebbe potuto riuscirne fuori.

Tutt’a un tratto capitò vicina a un piccolo tavolino di cristallo solido e sorretto da tre piedi: non c’era altro su d’esso che una chiavettina d’oro: or la prima idea ch’ebbe Alice fu che quella potesse aprire uno degli usci della sala; e provò — ma oimè! o le toppe erano troppo