Pagina:Le confessioni di un ottuagenario II.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo decimoquinto. 183


con altissima voce — Gli adoratori della libertà non hanno differenza di sesso. Sono tutti eroi.

— Bravo! brava! Ben detto! È un uomo! È una donna! Viva la Repubblica! Viva Bonaparte!... Viva la donna forte! —

Dovetti trascinarla via, perchè non me la portassero in trionfo; ella si sarebbe accomodata, credo, molto volentieri di questa cerimonia, e le vedeva errare negli occhi un certo fuoco che ricordava il furore d’una Pizia. A gran fatica potei condurla in un altro canto, dove si raccoglieva una gran turba femminile, la più molesta e ciarliera che avesse mai empito un mercato. Era una vera repubblica, anzi un’anarchia di cervelli leggieri e svampati; per me non conosco essere che dica tante bestialità quanto una donna politica. Giudicatene da quanto ne udii allora.

— Ehi, — diceva una, — non ti pare che avrebbero fatto meglio a vestirlo di rosso il nostro Direttorio!... Così tinti in verdone coi ricami d’argento, mi sembrano i cerimonieri dell’ex-governatore.

— Taci là! sciocca, — rispondeva l’interrogata; — la severità repubblicana porta i colori oscuri.

— Ah la chiama severità lei? — s’intromise una terza. — Se sapesse cos’hanno fatto due tenentucci francesi alla figlia di mia sorella!...

— Eh calunnie! saranno nobili travestiti!... Morte ai nobili!... Viva l’eguaglianza!

— Viva, viva: ma intanto dicono che quei signori del Direttorio siano quasi tutti aristocratici.

— Sì, lo erano, figliuola mia; ma li hanno purificati.

— Diavolo! come si fa questa operazione?...

— Eh non lo sai, no?... Non hai mai visto in San Calimero il quadro della Purificazione?... Si portano in chiesa due tortore e due colombini.

— E dee proprio bastare?