Pagina:Le dieci mascherate delle bufole mandate in Firenze il giorno di Carnovale l'anno 1565. Con la descrizzione di tutta la pompa delle maschere, e loro invenzioni, 1566.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D E L L E  B V F O L E 3

[versione diplomatica]


piena di uelli lunghi di ſeta cruda. Haueua ſopra la bardella una pella d'Aſino con teſta, & gambe, figurata di ſeta bigia.

Habito del Flagello.


LE ſei Maſchere, figurate per il Flagello, erano veſtite tutte con vn medeſimo habito in queſta forma.

Era la capellatura arruffata, e di color foſcho naſceuan ſenz'ordine quattro zāne di Cinghiale ſanguinoſe, e cinque fiamme di fuoco, la faccia era horribile di color bronzino, con occhi affocati, & ſpauenteuoli, e barba arruffata, ricinta da vn velo Bigio. Il collo era cinto da un tronco di Cipreſſo ſecco di tela d'argento ricamato in velluto turchino, dal qual tronco vſciuono alcune coccole ſimili: e di ſimile velluto, e ricamo erano i bracciali fino al gomito. Veſtiuaſi p̃ ſopraueſte d'una pelle di Drago, laquale eſſendo aperta per mezzo del collo, veniua a moſtrare la ſua teſta dauanti, che caſcaua ſul petto del Maſcherato: & le zampe dinanzi, che s'attaccauano in ſulle ſpalle, & con l'ali, & col reſto della pelle adornaua la parte di dietro, dalla quale era di modo ſtaccata, che il diſotto tutto appariua: Era di raſo uerde ricamato di ſcaglie d'oro filato, & la teſta, & zampe di tela d'argento dipinte: arricchita con vn numero grādiſsimo d'occhi di tela d'argento dipinti accommodati nell'ali, et per tutto il dorſo fin'alla punta della


[versione critica]


piena di velli lunghi di seta cruda. Haveva sopra la bardella una pella d'Asino con testa, et gambe, figurata di seta bigia.

Habito del Flagello.


LE sei Maschere, figurate per il Flagello, erano vestite tutte con un medesimo habito in questa forma.

Era la capellatura arruffata, e di color foscho nascevan senz'ordine quattro zanne di Cinghiale sanguinose, e cinque fiamme di fuoco, la faccia era horribile di color bronzino, con occhi affocati, et spaventevoli, e barba arruffata, ricinta da un velo Bigio. Il collo era cinto da un tronco di Cipresso secco di tela d'argento ricamato in velluto turchino, dal qual tronco uscivono alcune coccole simili: e di simile velluto, e ricamo erano i bracciali fino al gomito. Vestivasi per sopraveste d'una pelle di Drago, laquale essendo aperta per mezzo del collo, veniva a mostrare la sua testa davanti, che cascava sul petto del Mascherato: et le zampe dinanzi, che s'attaccavano in sulle spalle, et con l'ali, et col resto della pelle adornava la parte di dietro, dalla quale era di modo staccata, che il disotto tutto appariva: Era di raso verde ricamato di scaglie d'oro filato, et la testa, et zampe di tela d'argento dipinte: arricchita con un numero grandissimo d'occhi di tela d'argento dipinti accommodati nell'ali, et per tutto il dorso fin'alla punta della


A 2 coda.