Pagina:Le dieci mascherate delle bufole mandate in Firenze il giorno di Carnovale l'anno 1565. Con la descrizzione di tutta la pompa delle maschere, e loro invenzioni, 1566.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D E L L E  B V F O L E

[versione diplomatica]


ſciua vna Maſchera d'oro, che reggeua vno grā pēnachio, e un velo bigio che cigneua il collo del cauallo, ſotto la gola dellaquale pendeua vn gran ramo di Cipreſſo di ſeta verde, e d'oro. Le redine erano due catene di ferro inargentate. Il reſto del cauallo era tutto bardato di tela d'oro, & nel petto, e nelle punte didietro di dette barde erano teſte di Morte di tela d'argento dipinte, con aſſai catene groſſe della medeſima tela, e veli retti da maſcherette ſimili, tutta orlata di foglie, e coccole di cipreſſo, dallequali pendeuano a vſo di nappe, molti rami di detto Cipreſſo. Et ſopra la ſella a foggia di gualdrappa era gettata vna pelle intera di Lione figurata cō ſeta, gli ſtaffili di catene della medeſima tela. & le ſtaffe due maſchere sbarrate. Haueuano alla ſtaffa dodici littori veſtiti all'uſanza loro antica che portauano in mano le verghe, & l'accette.

MASCHERATA II.

De' S. Spinoli, & fornari

Genoueſi.


DO P P O a ſudetti arriuarono in piazza le maſchere, e la Bufola de' Mercanti Genoueſi, iquali haueuano figurato le Baccanti feſteuolmente correre dietro a Sileno Balio di Bacco, ilquale caualcaua la Bufola, veſtito, & abigliato nel modo, che qui appreßo direno.


[versione critica]


sciva una Maschera d'oro, che reggeva uno gran pennachio, e un velo bigio che cigneva il collo del cauallo, sotto la gola dellaquale pendeva un gran ramo di Cipresso di seta verde, e d'oro. Le redine erano due catene di ferro inargentate. Il resto del cavallo era tutto bardato di tela d'oro, et nel petto, e nelle punte didietro di dette barde erano teste di Morte di tela d'argento dipinte, con assai catene grosse della medesima tela, e veli retti da mascherette simili, tutta orlata di foglie, e coccole di cipresso, dallequali pendevano a uso di nappe, molti rami di detto Cipresso. Et sopra la sella a foggia di gualdrappa era gettata una pelle intera di Lione figurata con seta, gli staffili di catene della medesima tela. et le staffe due maschere sbarrate. Havevano alla staffa dodici littori vestiti all'usanza loro antica che portavano in mano le verghe, et l'accette.

MASCHERATA II.

De' S. Spinoli, et fornari

Genovesi.


DO P P O a sudetti arrivarono in piazza le maschere, e la Bufola de' Mercanti Genovesi, iquali havevano figurato le Baccanti festevolmente correre dietro a Sileno Balio di Bacco, ilquale cavalcava la Bufola, vestito, et abigliato nel modo, che qui appresso direno.