Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/301

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

279


di gratitudine, non ricusai di contribuire alla sua felicità, ed il nostro matrimonio si fece con tutta la pompa immaginabile.

«Mentre tutti stavano intenti a celebrare le nozze del loro sovrano, un principe vicino e nemico venne una notte a sbarcar nell’isola con numerosa falangi; quel formidabile avversario era il re di Zanguebar, il quale sorprese e tagliò a pezzi tutti i sudditi del principe mio marito. Anzi poco mancò non ci prendesse amendue, essendo già nel palazzo con alcuni de’ suoi; ma noi trovammo il mezzo di salvarci, e raggiunta la spiaggia, ci gettammo in una barca peschereccia ch’ebbimo la fortuna di rinvenire. Vogammo in balia de’ venti per due giorni senza sapere il nostro destino; il terzo, scoprimmo una nave che ci veniva incontro a tutte vele. Alla prima ce ne rallegrammo, immaginandoci fosse un legno mercantile che ci potesse raccogliere; ma fummo colpiti da inesprimibile terrore quando, avvicinatasi a noi, apparvero sul ponte dieci o dodici corsari armati. Cinque o sei di coloro, scesi in una barca, vennero all’abbordaggio, ed impossessatisi di noi due, legarono il principe mio marito, e mi fecero passare sulla loro nave, dove tosto mi tolsero il velo. La mia gioventù e bellezza li colpiscono in guisa, che tutti que’ pirati dichiarano d’essere incantati dalla mia vista; invece di tirar a sorte, ognuno pretende d’avere la preferenza, e che io ne divenga la preda. Si riscaldano, vengono alle mani, combattono come furiosi: in un momento il ponte è coperto di morti. Infine, ammazzaronsi tutti, tranne un solo, il quale, vedendosi padrone della mia persona, mi disse: — Siete mia; vi condurrò al Cairo per consegnarvi ad un mio amico, al quale ho promesso una bella schiava. Ma,» soggiunse, guardando il re mio consorte, «chi è quell’uomo? Quai legami lo uniscono a voi? Sono quelli