Pagina:Le opere di Galileo Galilei IX.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 capitolo

Però se vuol così Domenedio1,
     Che finalmente può far ciò che vuole2,
     Io son contento andar vestito anch’io,
145E non ci starò a far altre parole3:
     Andrommen’anch’io dietro a questa voga;
     Ma Dio sa lui, se me n’incresce e duole!
Ma ch’io sia per voler portar la toga,
     Come s’io fussi qualche Fariseo,
     150O qualche scriba4 o archisinagoga,
Non lo pensar; ch’io non son mica Ebreo,
     Se bene e’ pare al nome e al casato
     Ch’io sia disceso da qualche Giudeo.
I’ sto a veder se ’l mondo è spiritato,
     155Se egli5 è uscito del cervello affatto,
     E s’egli è desto, o pure addormentato;
E s’egli è vero ch’un che non sia matto
     Non arrossisca che gli sia veduto
     Un abito sì sconcio e contraffatto6.
160In quant’a me7 mi son ben risoluto,
     Ch’io non ne voglio intender più sonata:
     Mi contento del mal ch’io n’ho8 già auto;
E perchè non paresse alla brigata,
     Ch’io mi movessi senz’occasione,
     165Come fan quegli ch’han poca levata,
Io son contento dir la mia ragione,
     E che tu stesso la sentenza dia:
     So che tu hai9 giudizio e discrizione.
La prima penitenza che ci sia
     170(Guarda se per la prima10 ti par nulla),
     È ch’io non posso fare i fatti mia,
Come sarebbe andar alla fanciulla;
     Ma mi tocca a restar fuor della porta,
     Mentre ch’un altro in casa si trastulla.

  1. 142. se ’l vuol messer Domenedio, E, s
  2. 143. ch’ei vuole, B, D
  3. 145. E non vi [ci, C] star a, B, C — far tante parole, B, E, F, G, s
  4. 150. O rabbi o scriba, D, E, F, G, s
  5. 155. S’egli, A, s; Se gli, C, E; E s’egli, B, D, F, G
  6. 159. scontraffatto, s
  7. 160. Io, quant’a me, B; Io, in quanto a me, D, E, G, s
  8. 162. che ne ho, F, G
  9. 168. Ch’io so che t’hai, F, G
  10. 170. se pur la, A