Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132

visi scritta: Franc. D. Jo. Antonii de Goziis ex voto suo, & manu sua propria pinxit: MDLXIV. Usciti di Chiesa, e scendendo alquanto per la dirincontro strada che va verso Ponente, entreremo a sinistra a vedere nell’antica Chiesa di

S. MARIA ELISABETTA.


LXVI.


DI ragione de’ Cavalieri di Malta, la Visitazione di Maria Vergine a S. Elisabetta, egregiamente dipinta da Gio. Paolo Cavagna all’Altare: e dall’opposta parte, e quasi di fronte, troveremo la Chiesa dedicata a SS. Simone e Giuda, detta della Mansione, e più comunemente

LA MAGIONE.


LXVII.


LA quale fabbricata nel 1222. fu s anno appresso consagrata dal Torniello Vescovo di Bergamo, e tenuta dagli Umiliati sino alla loro soppressione, avvenuta sotto Pio Quinto l’anno 1570. È Chiesa di tre Altari; vedendosi al Maggiore una buona Tavola dipinta probabilmente sul finire del secolo prossimamente scaduto, ove le migliori Figure sono la B. V. col Bambino, e il sottoposto San Filippo Neri. Non è spregievole nemmeno il Sant’Ignazio all’Altare dalla banda dell’Epistola, fatto verso l’istesso tempo dell’antecedente: e i Puttini