Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/365

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta 333


     ma tra gli ulivi
verdi, pe i clivi
di Galilea,
il Cristo biondo
la vita e il mondo
benedicea!

     Deh, penitenti
pe i godimenti
che non provaste,
perchè, spietate,
martirizzate
le carni guaste?

     Ah, è vero! Eterno
brucia l’inferno
per chi è felice
e Monsignore
se sboccia un fiore
lo maledice.