Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
338 adjecta

LE BALLATE DEL PROCESSO

I.


     Verità, libertà, luce, progresso,
voi mi conciaste bene
3che mi trovo per voi sotto processo!

     L’affare andò così. Pietro pescava
cercando con la rete il suo profitto.
Giù per l’acqua corrente io me n’andava
ed ei mi prese per godermi fritto,
poichè all’arrosto non ci ha più diritto
dal dì che tra le pene
10il rogo, grazie a Dio, non c’è l’han messo.

     Ma il santo pescator che m’afferrava,
dalle mie spine si sentì trafitto.
L’altrui rabbia cristiana e la pia bava
mutaron la puntura in un delitto;
ed è per questo che son tanto afflitto
che, se ben mi sovviene,
17non ho mai riso come rido adesso!