Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/378

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
346 adjecta

MENTRE TUONA

I.


     La mia povera vigna è così fatta
che la debbo vangar tre volte l’anno,
potarla come va, pari ed esatta,
4per legarla di poi, sempre a mio danno;

     e non appena il sol me l’ha rifatta,
ci rimetto del mio sapone e ranno
tra zolfo e rame a mantenerla intatta
8dalla nebbia, dal male e dal malanno.

     Quando i grappoli poi diventan neri,
tutta l’ira di Dio nel cielo accolta
11sopra ci si rovescia e volentieri.

     Ed allor buona notte! Addio raccolta,
addio tasse pagate, addio panieri,
14serbati sempre per quest’altra volta!