Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta 415


     Oh, il bel meriggio! Ardeva
il sol nel chiaro azzurro,
nè un soffio, nè un susurro
68sull' arso pian fremeva
e sulle stoppie gialle
gli stanchi buoi posando
sognavan, ruminando,
72il buio delle stalle.

     Oh, il bel meriggio! Ascoso,
al cor giungeva un senso
grave, solenne, immenso,
76di calma e di riposo.
Immersa in un languore
di voluttà infinita
parea dormir la vita,
80ma non dormìa l’amore.

     Popol di Dio, riposa
nel sonno tuo profondo;
sul talamo fecondo
84ecco salì la sposa!
Oh il bel meriggio! Hai chiesto
e Dio t’ha benedetto,
poichè sul santo letto
88il Patriarca è desto.