Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/455

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta 423

LETTURA SERALE


     Gela di fuori. Lenti,
curvi, di mal umore,
entrano gli studenti
4nel tepido chiarore
de l’aule graveolenti,
tratti a sciuparvi l’ore
più da la cruda brina
8che dal puro desio de la dottrina;

     e il capo rassegnato
abbassan sul volume
che l’uso ha verniciato
12di secolare untume,
ma il gergo avviluppato
del giuridico acume
affatica ben presto
16l’ingegno ancor giovenilmente onesto.